La moviola in campo da consultare solo in caso di reti contestate

Calcio, arbitri: addio ai gol fantasma. Comincia il primo campionato della Goal Line Technology

di Massimiliano Mugnaini - - Sport, Top News

Stampa Stampa
L'arbitro di calcio, ruolo sempre più difficile

L’arbitro avrà un alleato: la moviola in campo nel caso di gol-non gol

FIRENZE – Addio al gol fantasma. Quello che inizia oggi, sabato 22 agosto, sarà  il primo campionato della Goal Line Technology. Proprio della novità principale a livello regolamentare – una sorta di antipasto della moviola in campo che interverrà solo in caso di gol non gol – l’ha fatta da padrone nell’abituale riunione pre-campionato degli arbitri andata in scena a Coverciano. Ne hanno parlato praticamente tutti.

TAVECCHIO. A iniziare da Carlo Tavecchio. “Grazie ai direttori di gara il prossimo campionato sarà in discesa” ha detto il presidente federale rilevando come la novità regolamentare potrà essere per loro di grande aiuto.”Siamo nelle mani degli arbitri, decisamente in ottime mani” ha chiosato.

NICCHI. Parole che avranno fatto sicuramente piacere al padrone di casa, il numero uno della Can, Marcello Nicchi. “L’importanza dell’occhio di falco non la scopriamo certo oggi. Mi piace semmai sottolineare – ha aggiunto l’ex fischietto aretino – il fatto che abbiamo mantenuto anche gli arbitri di porta. Sgravati dal compito di decidere sul gol fantasma, potranno essere più utili nella cooperazione con gli altri componenti della terna, anzi della sestina comprendendo pure il quarto uomo”.

PROTESTE. Stando alle parole di Nicchi non ci sono particolari raccomandazioni da fare ai giocatori alla vigilia del campionato, se non una: “Ho detto alla mia squadra che da questa stagione sarà assolutamente vietato tollerare la violenza. Anche verbale. Per cui vorrei solo dire chi a scenderà in campo di evitare proteste plateali con tanto di accerchiamento all’abitro, perché prenderemo provvedimenti severi fin da subito”.

MESSINA . “All’estero – gli ha fatto eco il designatore arbitale – comportamenti del genere vengono subito stroncati, finora noi siamo stati più indulgenti”. Adesso si cambia, fa capire Domenico Messina, che parla anche di un’altra modifica di un cavillo regolamentare: quello sull’interferenza in caso di fuorigioco passivo. “Ma si tratta davvero di un’inezia: per intendersi, il famoso gol di Bonucci nello scorso Juventus-Roma sarebbe ancora valido anche con le nuove norme”, chiude il designatore.

BERETTA. Che riceve i complimenti anche del presidente della Lega di A, Maurizio Beretta, un altro del parterre de roi presente a Coverciano assieme anche al suo omologo per la B, Andrea Abodi e al commissiario straordinario della Lega Pro, Miele. “Le novità – chiosa Beretta – permetteranno agli arbitri di lavorare ancora meglio: da loro ci attendiamo la consueta qualità, unita alle sempre maggiore capacità di dialogo con i club”.

DIVISE. In bocca al lupo dunque anche ai direttori di gara, allora. Da Rizzoli – che assieme a Rocchi e Tagliavento ha fatto da modello per le nuove divise che contengono anche la spallina griffata dallo sponsor Eurovita assicurazioni -, a Damato di Barletta, fiero nel ritirare il premio quale miglior fischietto della scorsa stagione.

Tag:, ,

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.