L'appello per coronare il suo sogno

Arezzo: malata dalla nascita vuole laurearsi. Lancia una campagna di crowdfunding

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Polo universitario di Firenze

Polo universitario di Firenze

AREZZO – E’ malata fin dalla nascita di una rara sindrome: ‘onico-osteodisplasia congenita’ che colpisce una persona ogni 50 mila a causa di disfunzione dell’apparato osseo, con ostacolo alla normale flessione degli arti e disfunzione renale che impediscono una vita normale. Ma non vuol rinunciare al suo progetto: laurearsi sostenendo le spese necessarie da sola. Per pagarsi gli studi Nicla Peruzzi, 40 anni, di Arezzo, ha lanciato una campagna di crowdfunding attraverso GofundMe, piattaforma dedita alla raccolta di fondi per finanziare cause di vario tipo. A Nicla servono 15.000 euro. Ad ora, in poco più di un mese è riuscita a raccogliere, con le donazioni via web, dal basso più di 3.000 euro.

“Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità’ e la propria scelta, un’attività’ o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società'”, spiega Nicla, ma ancor prima di una scelta di vita umana e professionale vorrei che insieme alla mia campagna fondi filtrasse anche un messaggio di speranza e di cambiamento per tutti coloro che credono che a 40 anni sia troppo tardi per rimettersi in gioco e migliorare la propria vita professionale”.

Nicla, che ha avuto varie esperienze lavorative, ha il progetto di una laurea in Economia dello sviluppo e della cooperazione internazionale a Firenze e anche quello di un percorso di formazione presso l’agenzia formativa Cospe che la porti a divenire ‘project manager’ del terzo settore, specialista proprio in fundraising. Nel suo appello sul web Nicla precisa tutte le voci di spesa necessarie. “Ispirandomi alla filosofia della banca del tempo – spiega ancora – mi impegnerò ad offrire ore del mio tempo libero in forma di volontariato ad uno o più enti del proprio territorio e diventando altresì donatrice di sangue”.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.