Su disposizione della procura della Repubblica

Livorno, incidente in porto: avvisi di garanzia per dieci indagati. L’accusa: omicidio colposo

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Livorno, incidente sul lavoro a bordo di una nave: un morto e 12 feriti

Livorno, incidente sul lavoro a bordo di una nave: un morto e 12 feriti

LIVORNO – Sono una decina le persone indagate dalla procura di Livorno per l’incidente alla nave
oceanografica “Urania” del 25 agosto nel quale è morto un marittimo, Gabriele Petrone, 38 anni, e altri suoi 11 colleghi sono rimasti feriti: per i destinatari l’ipotesi di reato è omicidio colposo.

La nave, durante un’operazione nel bacino galleggiante ‘Mediterraneo’ si è inclinata su un fianco e Petrone è rimasto investito dai materiali a bordo. La polizia giudiziaria, secondo quanto riporta oggi la cronaca locale de La Nazione, sta notificando in questi giorni gli avvisi di garanzia. Contestualmente sono stati
informati il legale e i familiari della vittima per permettere il conferimento dell’incarico sull’autopsia sul corpo del marittimo che potrebbe già essere assegnato nella giornata di domani.

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.