Rientro choc dalle vacanze: inchiesta di Firenze Post sulla viabilità

Firenze, Libertà – Don Minzoni – Cure: odissea nel traffico. Fra carreggiate ridotte a sentieri e garage bloccati dai cantieri. Bentornati in città … (Foto)

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica, Primo piano, Top News

Stampa Stampa
Viale don Minzoni

Viale don Minzoni

FIRENZE – Una vera e propria odissea attende i residenti e i cittadini che transitano sul percorso Libertà – Don Minzoni – Cure, a causa di lavori contemporanei, iniziati simultaneamente, in quasi concomitanza con l’inizio delle scuole, con permessi dati senza programmazione e coordinamento alcuno dagli uffici comunali. Importanti interventi infatti sono già in corso, con apposizione di transenne, scavi e posa di tubi, montatura d’impalcature, blocco di garage privati – senza alcun avviso preventivo – in sostanza con una grave limitazione delle libertà di circolazione e di utilizzo di locali privati, al limite del sequestro di beni e di persone. E di tutto questo i cittadini ritengono oggettivamente e materialmente responsabile l’Amministrazione comunale. Ma procediamo in ordine di percorso del traffico, che in vista della riapertura delle scuole subirà forti disagi.

Piazza libertà

Piazza libertà

PIAZZA LIBERTÀ – Da stamani 31 agosto fa bella mostra di sè un cartello con divieto di sosta, transenne che dimezzano la carreggiata già stretta nella corsia che collega via del Ponte Rosso al Viale Don Minzoni, passando davanti all’ingresso del Parterre. Qui si annuncia che i lavori di fronte al palazzo che fa angolo col Viale dureranno fino al giugno 2016. Un anno di disagi garantiti, per cui i fiorentini faranno bene a programmare per tutto questo periodo itinerari alternativi per non restare imbottigliati.

Cartello Don Minzoni

Cartello Don Minzoni

VIALE DON MINZONI – I residenti dei numeri lato dispari del tratto da Via Pascoli alla ferrovia hanno trovato la lieta sorpresa di un gigantesco tubo che, senza alcun preavviso da parte del Comune agli abitanti interessati, blocca l’accesso dei passi carrabili. Il cartello indica termine dei lavori il 9 settembre, ma già gli interventi sono partiti in  ritardo, per cui la conclusione è indefinita.  I proprietari in ferie, ignari del fatto, sanno chi ringraziare quando si troveranno nell’impossibilità di far uscire le auto parcheggiate all’interno degli spazi di loro proprietà. Ma anche chi è riuscito a tirar fuori il veicolo non saprà dove parcheggiarlo. I lavori fanno sparire i posto auto di quel tratto di viale: ci voleva tanto ad avvertire i condomini interessati e offrire magari un parcheggio in convenzione gratuita all’interno del Parterre? Ma il Comune, evidentemente, non è molto sensibile  a questi fondamentali aspetti. Inoltre gli anziani sono costretti a percorrere centinaia di metri per trovare il primo cassonetto utile dove gettare l’immondizia.

Piazza delle cure

Piazza delle cure

PIAZZA DELLE CURE – Qui le transenne comunali hanno trovato ampi spazi a lato del mercatino e restringono sostanzialmente a una sola corsia la circolazione da via Faentina – Boccaccio – Volta verso il cavalcavia. Già camion e auto occupano (vedi foto) lo spazio verso le aiuole; è prevedibile che quando la circolazione sarà normale scoppierà il caos. Si preparino i vigili urbani a intervenire e i cittadini a … pazientare.

Morale? Bentornati fiorentini,  dopo le vacanze.  I problemi sono seri: si limita la mobilità, si bloccano addirittura gli accessi a luoghi privati. Non mi meraviglierei che qualcuno chiedesse conto di tutto questo per scritto. Addirittura attraverso la carta bollata. Il sindaco, Dario Nardella,  si dovrebbe rendere conto delle conseguenze che ricadono sui fiorentini. Questa nostra inchiesta vuole essere sì una denuncia della situazione, ma soprattutto un aiuto, un campanello d’allarme per chi deve provvedere.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Commenti (2)

  • alessandro vannucci

    |

    ma fare i lavori quando c’è poco traffico deve costare molto di più visto che in luglio e agosto quando le scuole sono chiuse, la gente è via da Firenze in tutta la città non c’è stato un cantiere con gli operai a lavorare. Se le ditte edili italiane non vogliono o non possono lavorare in questi mesi , si diano i lavori ad aziende straniere, visto che in tutta europa si lavora sulle strade per tutto l’anno.

    Rispondi

  • Pierluigi

    |

    Nonostanze i bei sorrisi di sola facciata, la situazione è proprio al disastro, ve lo può assicurare un abitante delle Cure.
    Non bastava l’incontrollato uso del passaggio pedonale all’immissione di via Borghini in piazza delle Cure, adesso ci sono anche i lavori non programmati, vedi macchinari inutilizzati a lato del mercatino ed i lavori di scasso ancora da iniziare sul lato Mugnone del viale Don Minzoni, nonostante che le transenne siano state apposte da diversi giorni.
    Ma come funziona bene la macchina comunale!

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.