La decisione del Governo

Agenzia Entrate: nessuna sanatoria per i dirigenti irregolari. Ci vuole il concorso

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Rossella Orlandi, direttrice dell'Agenzia delle Entrate,

Rossella Orlandi, direttrice dell’Agenzia delle Entrate,

ROMA – Dalla versione definitiva del decreto di riorganizzazione delle Agenzie Fiscali è stata eliminata la norma che creava 200 posizioni organizzative speciali, una sorta di semi dirigenza, per risolvere la questione dei dirigenti nominati senza concorso e dichiarati illegittimi dalla Corte Costituzionale.  La norma era stata inserita in una bozza diramata ai ministeri alla vigilia del Consiglio dei ministri, ma Palazzo Chigi l’ha cassata. Nella versione finale che verrà trasmessa a breve alle Camere, fanno sapere fonti del Tesoro, le posizioni organizzative speciali aggiuntive non ci sono. La soluzione rimane, dunque, quella indicata nel decreto Enti locali. Entro la fine del prossimo anno dovrà essere portato a termine un concorso pubblico per la nomina dei dirigenti. Nelle more del bando potranno essere create delle posizioni transitorie da assegnare a funzionari di terza area che, tuttavia, decadranno automaticamente dall’incarico non appena i vincitori del concorsone saranno nominati.

Sono stati vani tutti i tentativi della Direttrice dell’Agenzia delle entrate, Rossella Orlandi, di supplire provvisoriamente alla carenza di dirigenti causata dalla sentenza della Corte, che sta causando gravi disagi all’operatività degli uffici. Renzi, per una volta, non Le ha dato ascolto e ha preferito non forzare la mano.

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.