La Micoperi ha recuperato le strutture in ferro appoggiate sul fondale

Isola del giglio, sparisce dal mare l’ultima traccia della Concordia: rimosse le piattaforme

di Redazione - - Cronaca, Primo piano, Top News

Stampa Stampa

piattaforma

ISOLA DEL GIGLIO  – Si avvia alla normalità l’Isola del Giglio, quella che c’era prima del naufragio della Concordia. Dal mare spariscono le ultime traccia di una tragedia che è costata la vita a decine di persone. Infatti si sono concluse le attività di rimozione delle sei piattaforme che hanno costituito il ‘falso fondale’ sul quale è stata appoggiata la Costa Concordia dalla fase di rotazione a quella della rimozione. L’ultima delle enormi strutture di acciaio è stata sollevata nella giornata di ieri dagli addetti della Micoperi, la società incaricata per i lavori di bonifica dei fondali.
Le piattaforme, che insieme alle 24mila tonnellate di sacchi di malta cementizia hanno costituito l’appoggio artificiale su cui la Concordia è stata adagiata in attesa di essere rimossa, avevano una grandezza variabile e arrivavano, per quelle più grandi, ad un peso di circa 1.000 tonnellate, con dimensioni di 32 metri di lunghezza per un’altezza di 22 metri.
Con la riemersione dell’ultima grande struttura si conclude una delle fase più complesse dei lavori di bonifica e ripristino dei fondali iniziati lo scorso mese di dicembre. Rimangono adesso da rimuovere gli anchor block – ovvero i pilastri che ancoravano le piattaforme al fondale – e i rimanenti sacchi di malta cementizia che formavano il ‘cuscino’ del falso fondale su cui fu fatto ruotare il relitto. Nei mesi scorsi già portate via 19mila tonnellate di sacchi di cemento.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.