Sabato 26 settembre alle ore 20

Opera di Firenze: Juraj Valčuha dirige l’Orchestra del Maggio nel primo concerto della stagione

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Juraj-Valčuha-1-940x440

Il direttore d’orchestra Juraj Valčuha

FIRENZE – In questo sabato un po’ sovraffollato di musica contemporanea (fra il finale di «Play It!» al Verdi e l’avvio del «Tempo Reale Festival»), si segnala un graditissimo ritorno sul podio dell’Opera di Firenze, quello di Juraj Valčuha, che dirigerà l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino in un programma che dovrebbe risultargli assai congeniale: le «Danze di Galánta» dell’ungherese Zoltán Kodály (1882-1967), commissionate nel 1933 dalla Società Filarmonica di Budapest, la «Sinfonietta» che il ceco Leóš Janáček (1854-1928) dedicò nel 1926 “alle forze armate cecoslovacche”, la notissima «Sinfonia n. 8 in Sol maggiore» di Antonín Dvořák, composta nel 1889.

Un programma tutto slavo aperto dalla prima esecuzione assoluta di una nuova creazione di Filippo Perocco.

Nato a Bratislava, classe 1976, Juraj Valčuha è dal 2009 Direttore principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.

Opera di Firenze (Piazzale Vittorio Gui, 1 / Viale Fratelli Rosselli)

Sabato 26 settembre, ore 20

Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, direttore Juraj Valčuha

Filippo Perocco, «Del color del fiore»
Antonín Dvořák, «Sinfonia n. 8 in Sol maggiore op. 88, B163»
Zoltán Kodály, «Galántai tàncok» («Danze di Galánta»)
Leóš Janáček, «Sinfonietta»

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.