Il documento dall'agenzia palestinese Palmedia

Cisgiordania, il fotografo Andrea Bernardi di Pietrasanta aggredito da soldati israeliani (VIDEO)

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

TEL AVIV (ISRAELE) – Andrea Bernardi, videofotografo italiano della agenzia France Presse, è stato aggredito insieme a un collega palestinese in Cisgiordania da soldati israeliani. Bernardi è figlio di Adamo Bernardi, capo di gabinetto del sindaco di Pietrasanta Massimo Mallegni. Nel 2011 Andrea Bernardi fu protagonista di un altro episodio simile in Libia.

Nella giornata di ieri 25 settembre, Andrea Bernardi ha raccontato di aver subito insieme a un collega palestinese «un’aggressione senza motivo». Autori dell’aggressione alcuni soldati israeliani, nel villaggio palestinese di Beit Furik nei pressi di Nablus in Cisgiordania.

Le truppe israeliane hanno sequestrato e distrutto il loro  equipaggiamento, telecamere, macchine fotografiche e un cellulare, dopo che avevano ripreso le immagini del funerale di un palestinese ucciso da Tsahal (le Forze Armate di Israele).

Bernardi quindi ha raccontato di essere stato sbattuto a terra dai soldati e colpito al fianco con un’arma. E’ stato tenuto schiacciato sul terreno da un soldato israeliano – afferma – che lo teneva immobilizzato facendo pressione con un ginocchio sul petto sino a quando non e’ riuscito ad estrarre dalla tasca le sue credenziali da giornalista.

Alla fine ha riportato lesioni alle costole e ad un occhio. Al momento dell’aggressione sia il fotografo toscano che il suo collega palestinese indossavano giubbotti anti proiettili con stampata, davanti e dietro, la scritta «press». L’aggressione è stata filmata e diffusa online da altri colleghi dell’agenzia locale Palmedia (in alto il video di Palmedia). L’agenzia France Presse ha protestato con le autorità israeliane che hanno annunciato l’adozione «misure disciplinari» contro i militari responsabili, ha spiegato il colonnello, Peter Lerner, portavoce di Tsahal.

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.