E' intervenuta la polizia

Pisa, leghisti raccolgono firme contro i migranti: aggrediti dagli antagonisti

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Pisa, la raccolta firme dei leghisti (foto Facebook - Susanna Ceccardi)

Pisa, la raccolta firme dei leghisti (foto Facebook – Susanna Ceccardi)

PISA – Un gruppo di antagonisti ha rovesciato un banchetto della Lega Nord nel quartiere del Cep, alla periferia di Pisa, dove i militanti del Carroccio stavano raccogliendo le firme di una petizione «per scongiurare l’arrivo di profughi all’ex polveriera».

La vicenda è denunciata dalla militante leghista Susanna Ceccardi, che ha postato diversi video sulla sua pagina Facebook. «Mentre stavamo raccogliendo le firme – scrive Ceccardi in un comunicato – è arrivato un ragazzo che, con violenza, ha ribaltato il nostro banchino. Neanche mezz’ora e sono arrivati i rinforzi dei centri sociali, una decina di persone che ha cominciato a offendere, inveire, cercare lo scontro fisico con i militanti e con la polizia, intervenuta per difendere il nostro diritto a raccogliere le firme».

«Non è tollerabile – aggiunge Ceccardi – che Pisa, che si professa democratica, accolga da anni in spazi pubblici il centro sociale Newroz, che ogni volta si macchia di aggressioni e ingiurie a chi cerca di manifestare liberamente il pensiero. Chiediamo che sindaco, prefetto e magistratura prendano provvedimenti».  In circa due ore, conclude Ceccardi, «abbiamo raccolto più di 100 adesioni contro l’arrivo dei profughi all’ex polveriera».

Tag:, ,

Commenti (1)

  • Domenico

    |

    Si può anche non essere d´accordo con i leghisti ma essi hanno il diritto di raccogliere firme. I metodi usati per contestarli sono tipici degli naguzzini. È grave. In tal modo quei bravi ragazzi dei contestatori si sono comportati come gli aguzzini verso gli ebrei. Non sottvaluterei l`accaduto. Arroganza, intolleranza e violenza fisica vanno sempre condannati.

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.