La richiesta dell'Avvocatura di Stato

Calcio, Spagna: per Lionel Messi chiesti 22 mesi di reclusione. E’ accusato di frode fiscale insieme al padre

di Redazione - - Cronaca, Economia, Sport

Stampa Stampa
Germania-Argentina, Messi in azione

Messi durante la finale del Mondiale 2014 Germania-Argentina

BARCELLONA  – Lionel Messi, calciatore argentino vincitore più volte del Pallone d’oro, rischia una condanna, in Spagna, a 22 mesi e mezzo di carcere per frode fiscale. Questa la richiesta presentata dall’Avvocatura di Stato – che rappresenta il fisco spagnolo – per l’attaccante argentino del Barcellona, chiamato a rispondere assieme al padre, Jorge Horacio, di tre reati contro l’Agenzia delle Entrate commessi fra il 2007 e il 2009.Chiesta anche una multa di 4,1 milioni di euro, ovvero l’ammontare della frode ai danni del fisco.

Secondo “El Pais”, l’Avvocatura di Stato, pur riconoscendo che Messi è “profano” in tema tributario, ritiene che “non si può ignorare” che buona parte delle sue entrate relative allo sfruttamento dei diritti d’immagine arrivavano attraverso società registrate in paradisi fiscali come Uruguay e Belize. Il pubblico ministero, invece, aveva chiesto l’archiviazione per il giocatore ritenendo il padre Jorge Horacio unico responsabile della frode fiscale. Il Tribunale di prima istanza di Gavà ha così deciso il rinvio a giudizio di entrambi davanti al giudice penale di Vilanova e di la Geltrù
(Barcellona).

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.