Vi spiego come gioca la squadra di Sarri

Napoli-Fiorentina vista … dal Vesuvio

di Vittorio Raio - - Lente d'Ingrandimento, Sport

Stampa Stampa
Gonzalo Higuain, centravanti del Napoli

Gonzalo Higuain, centravanti del Napoli

Se qualcuno legge i quotidiani di questi giorni e non conosce la classifica della serie A, pensa che il big-match di domenica sia quello tra Inter e Juventus. Tanto spazio, giustificato, alla qualificazione dell’Italia all’Europeo in Francia e poi pagine e pagine alla sfida tra nerazzurri e bianconeri al Meazza. Non è tutto: a dimostrazione che nessuno si sarebbe aspettato che la vera sfida di riferimento di domenica sarà quella del San Paolo tra Napoli e Fiorentina, basta dare uno sguardo all’orario in cui si svolgeranno i due incontri: Napoli-Fiorentina alle 15, insieme ad altre gare, e Inter-Juventus in prima serata. Sotto i riflettori.

CAPOLISTA – Fiorentina e Napoli (in ordine di classifica) se ne fanno una ragione e pensano alla propria partita, determinante per il rispettivo futuro. La Fiorentina, capolista, tenterà di rendere ancora più importante la propria classifica, a far restare quale migliore del campionato anche la propria difesa (solo 4 i gol incassati); il Napoli, in un San Paolo che quasi certamente registrerà il pienone, proverà a superare i viola dopo aver già battuto o strapazzato Lazio, Juventus e Milan.

AZZURRI – Napoli e Fiorentina sono le squadre che nelle ultime quattro giornate hanno avuto il migliore rendimento del campionato: 12 i punti della squadra di Paulo Sousa; 10, quelli raccolti dagli azzurri. Se il Napoli riuscirà a ripetere il rendimento delle ultime prestazioni indubbiamente non sarà facile per gli avversari uscire imbattuti dal San Paolo: pressing alto e asfissiante, gioco di prima, possesso di palla e verticalizzazioni improvvise, raddoppi su ogni avversario… Il tutto dettato da una condizione atletica tra le migliori, una condizione che sin quando resta di alto profilo riesce anche a camuffare il difetto di base del Napoli: la fase difensiva. Come al solito, Sarri comunicherà la formazione solo a poche ore dall’inizio della partita, ma l’undici iniziale non dovrebbe discostarsi di molto dal seguente: Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Insigne. Da verificare solo le condizioni fisiche di Insigne. L’alternativa sarebbe Mertens. Così sarà un attacco stellare, quello del Napoli, contro la migliore retroguardia del torneo, quella della Fiorentina.

 

Venerdì 16 ottobre: Napoli-Fiorentina vista … dall’Arno 

 

Tag:,

Vittorio Raio

Vittorio Raio

Direttore di Radio Marte - Napoli

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.