Il portavoce vaticano, Padre Lombardi, definisce inqualificabile la notizia del QN

Il Papa è malato? Dalla Città del Vaticano secca smentita: «No è sotto attacco. Si tratta di un intento manipolatorio»

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Primo piano, Top News

Stampa Stampa
Papa Francesco, Jorge Mario Bergoglio

Papa Francesco, Jorge Mario Bergoglio

CITTA’ DEL VATICANO – Papa Francesco ha un tumore? La notizia, riportata dal Quotidiano Nazionale, ossia il fascicolo sinergico de La Nazione, Il Resto del Carlino e Il Giorno, è seccamente smentita dalla Santa Sede. “La diffusione di notizie infondate è gravemente irresponsabile”, afferma il portavoce del Vaticano, padre Federico Lombardi. Che cita addirittura il Pontefice: “Ho fatto verifiche con le fonti opportune, compreso il Santo Padre. La pubblicazione è un grave atto di irresponsabilità, del tutto inqualificabile. Mi auguro che questa vicenda si chiuda immediatamente”. Lasciando intendere un Papa sotto attacco. Cosa che fa anche l’Osservatorio Romano, secondo cui la notizia del “Papa malato” fa parte di un polverone mediatico “con intento manipolatorio” considerato che è in corso, e si sta chiudendo, il Sinodo sulla famiglia (4-25 ottobre). Un Sinodo particolarmente “vivace”, nel quale il Papa è stato addirittura contestato apertamente da un gruppo di cardinali conservatori, ostili alle sue aperture, per esempio la comunione ai divorziati.

Il QN (e quindi i tre giornali del gruppo Riffeser Monti) sostiene che il professore giapponese Takanori Fukushima, luminare della neurochirurgia mondiale che collabora con la clinica di San Rossore, avrebbe visitato Papa Bergoglio nei mesi scorsi riscontrando una “piccola macchia scura nel cervello”. Considerata peraltro curabile: ossia un tumore benigno. “Il Papa sta svolgendo come sempre la sua attività intensissima”, ha insistito padre Lombardi. Aggiungendo: “La diffusione di notizie infondate è gravemente irresponsabile”. Viceversa, il direttore di QN, Andrea Cangini, ha confermato: “Sì, ci risulta che il Papa avrebbe un piccolo tumore curabile al cervello. Affermando : “La smentita è comprensibile ed era attesa. Abbiamo a lungo tenuto ferma la notizia per fare tutte le verifiche del caso, non abbiamo il minimo dubbio sulla sua fondatezza. Ci siamo seriamente interrogati se pubblicarla o meno. Abbiamo ritenuto che quel che a nostro avviso vale per un capo di Stato o di governo valga anche per il Papa: l’enorme responsabilità pubblica di cui queste personalità sono gravate ci porta a credere che il diritto alla riservatezza sia meno importante del diritto dell’opinione pubblica ad essere informata”.

E’ giusto pubblicare una notizia del genere? Mario Calabresi, direttore de “La Stampa”, interpellato dall’Agenzia Italia, ha risposto: “Quando si tratta di un personaggio pubblico una notizia di questo tipo bisogna pubblicarla. Il dibattito di oggi, però, non è sulla violazione o meno della privacy nei confronti di un personaggio pubblico come il Santo Padre, ma sulla reale portata della notizia. Oggi tutti noi ci siamo chiesti se le cose stiano esattamente cosi’: il Papa ha un tumore? Se la diagnosi è di qualche mese fa, cos’è successo nel frattempo? Anche perchè il Vaticano continua a smentire categoricamente la notizia”. Resta il fatto che l’opinione pubblica, di fronte alla notizia, si manifesta divisa ma soprattutto scettica.

In serata, tuttavia, a chiudere il caso in forma pressoché definitiva, è arrivata anche la dichiarazione dell’amministratrice dello studio di Fukushima presso il Carolina Neuroscience Institute, Lori Radcliffe, secondo cui il medico giapponese non ha «né curato né visitato» il Pontefice e che la notizia è «assolutamente falsa».

 

Tag:, ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.