Dopo le denunce dei genitori delle vittime

Baby gang a Prato, insulti e botte ai compagni di scuola: cinque arresti

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

L'uomo è stato arrestato dai Carabinieri di Campo dell'ElbaPRATO – Furti, rapine e minacce ai loro coetanei. Di queste accuse dovranno rispondere cinque ragazzi pratesi – due 17enni e tre 16enni – arrestati all’alba di oggi 29 ottobre dai carabinieri.

EPISODI CRIMINALI – I militari li ritengono componenti di una baby gang responsabile di una serie di vessazioni e violenze. Le indagini – coordinate dal pm della Procura del Tribunale dei minori di Firenze, Roberta Pieri – hanno riguardato 16 episodi criminali accaduti dall’ottobre 2014 all’aprile 2015, ma secondo i carabinieri di Prato «ci sarebbero molti altri fatti criminali che sono stati sminuiti o che non è stato possibile accertare».

STALKING – Uno dei minorenni della banda è accusato anche di stalking per i comportamenti attuati nei confronti di una compagna di classe, che sarebbe stata picchiata in aula e insultata su Facebook. L’indagine è partita dalle denunce dei genitori dei ragazzi vittime degli episodi.

SCUOLA – I ragazzi della banda sono tutti iscritti all’Istituto professionale Marconi e agivano con comportamenti che terrorizzavano i coetanei nei principali luoghi di aggregazione giovanile di Prato: al cinema, in centro storico, nel quartiere delle scuole superiori (in via di Reggiana). Nell’inchiesta sono coinvolti altri quattro minorenni che non sono destinatari – al momento – di alcun provvedimento. Mentre per tutti gli altri l’accusa è quella di rapina ed estorsione.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.