Cambia la tradizione anche per gli effetti del mercato

Firenze, commemorazione dei defunti, 2 novembre 2015: si comprano meno fiori. L’orario dei cimiteri

di Marianna Feo - - Cronaca, Economia, Primo piano, Top News

Stampa Stampa
Commemorazione dei  morti 2015

Commemorazione dei morti 2015

FIRENZE: Cambiano le abitudini nel giorno della Commemorazione dei morti – che si celebra lunedì 2 ottobre 2015. Non si acquistano più tanti fiori ai nostri defunti e le vendite restano stabili, senza segni in picchiata. In Toscana, anche l’andamento del prezzo dei fiori resta in media stabile.

FIORAI: Nel giorno dei morti i negozi di fiori a Firenze non vedono più come venti anni fa. Questo perché sono cambiate le abitudini delle persone, lasciando da parte le tradizioni. Chi va al cimitero acquista pochi fiori – o non li compra proprio – e magari si riducono all’ultimo momento, recandosi direttamente ai chioschi vicino al camposanto piuttosto che dal fioraio in città. Un po’ diversa è invece la situazione nei comuni limitrofi – come Sesto Fiorentino, Scandicci e Campi – dove le persone tendono ancora a recarsi dal fioraio per questa festività. Sono calate anche le richieste per i funerali, per cui si realizzano sempre di meno cuscini e corone.

PRODUZIONE: Come spiega il Presidente Assofioristi Confesercenti Toscana, Stefano Canovai, nel 2015 il prezzo dei fiori in Toscana non ha subito notevoli variazioni. Il prezzo dei crisantemi – fiore «simbolo» della commemorazione dei morti – non è aumentato, rientrando nel range dei prezzi stabili – tra 1,50 euro a 4 euro – a seconda della varietà. La produzione dei crisantemi quest’anno – in controtendenza alle previsioni – è stata molto ricca. Questa specie – che fiorisce con poca luce – a causa delle molte giornate di sole hanno solo ritardato la fioritura. La produzione è stata dunque molto buona, con crisantemi sani e senza malattie. Per questo fiore si preferisce ancora la produzione locale – che avviene anche in Toscana – perché si tratta di fiori molto delicati, che possono danneggiarsi nel trasporto. Diversamente, per quasi la maggior parte dei fiori, circa il 70% della produzione giunge dal mercato estero, specialmente dall’Olanda, dall’Africa (come le peonie), il Centro America, India e Indonesia.

ESTERO: Da diversi anni, le condizioni economiche della produzione locale – sempre più ridotta – non sono sostenibili in Italia, così ad esempio, i fiori di San Remo vengono esportati in Svizzera e in Germania. La produzione estera invece conviene di più, anche per via delle diverse regolamentazioni rispetto al nostro Paese. Le rose dell’Equador sono tra le più belle, durano fino a 20 giorni e costano meno di quelle locali. La produzione estera ha inoltre arricchito il mercato con un assortimento sin troppo completo, con tutte le varietà di fiori, indipendentemente dalla stagione. Si tratta di una risposta anche alla richiesta dei consumatori, che sono sempre più informati sul tipo di fiore che gli piacerebbe acquistare – ad esempio leggendo da internet o dalle riviste – senza però badare alla stagionalità. Questa tendenza mette però in difficoltà il settore poiché, se da una parte il ricco assortimento è ormai quasi indispensabile per soddisfare tutte le richieste, dall’altra causa delle perdite sull’invenduto. Un settore dunque tendenzialmente in crisi in Toscana – anche a causa di varie forme di abusivismo, per esempio in occasione dei grandi eventi, registrandosi poche aperture di nuovi negozi e molte chiusure.

 

Orario di apertura e indirizzi dei Cimiteri di Firenze:

dal 1° Ottobre al 31 Marzo: 8.00-17.00 – La Domenica e gli altri giorni festivi: 8.00-13.00

  • TRESPIANO – via Bolognese 449, tel. 055/2625530
  • SAN SILVESTRO A RUFFIGNANO – via di Ruffignano 16, tel. 055/2625530
  • SAN MINIATO AL MONTE – via delle Porte Sante 34, tel. 055/2625553
  • SETTIGNANO – via D. da Settignano, tel. 055/697307
  • SANTA LUCIA AL GALLUZZO – via del Podestà 115, tel. 055/2625577
  • MONTERIPALDI – via S. Michele a Monteripaldi 50, tel. 055/2625553
  • SANTA MARIA A MARIGNOLLE – piazza S. Maria a Marignolle 2, tel. 055/2625577
  • SAN FELICE A EMA – via S. Felice a Ema 41, tel. 055/2625549
  • PINO – via del Cimitero del Pino, tel. 055/6821440
  • SOLLICCIANO – via di Ugnano 14, tel. 055/2625557
  • MANTIGNANO – viuzzo di Musciana 1, tel. 055/72625557
  • SAN BARTOLO A CINTOIA – via S. Bartolo a Cintoia 90, tel. 055/2625557
  • UGNANO – via di Ugnano 4, tel. 055/2625557
  • RIFREDI – via Panciatichi 62, tel. 055/2625569
  • CAREGGI – via Cosimo il Vecchio 17, tel. 055/2625569
  • BROZZI – via S. Martino a Brozzi 53, tel. 055/2625561
  • PERETOLA – via Stazione delle Cascine 1, tel. 055/2625565

 

Tag:, ,

Marianna Feo

Marianna Feo

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.