Lo certifica il rapporto di Bankitalia

Economia: il debito pubblico continua a salire in maniera preoccupante (+ 7 miliardi a settembre)

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Bankitalia

Bankitalia

ROMA – La Banca d’Italia ha calcolato che il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato in settembre di 7,0 miliardi, a 2.191,7 miliardi, quasi a livelli record. L’aumento è stato determinato dal fabbisogno (17,9 miliardi), in parte compensato dalla diminuzione (9,7 miliardi) delle disponibilità liquide del Tesoro (64,0 miliardi; 51,6 a settembre del 2014).

Il Governo, nonostante le roboanti dichiarazioni di Renzi non incide su questo essenziale fattore: Stato, regioni, enti locali e enti pubblici continuano a spendere troppo per il loro funzionamento. Nei primi nove mesi dell’anno, infatti, il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 55,8 miliardi; il fabbisogno cumulato è stato pari a 42,8 miliardi mentre le disponibilità liquide del Tesoro sono aumentate di 17,6 miliardi. Ma settembre, comunque, non raggiunge il record di 2.204 miliardi di euro toccato a giugno e nemmeno i livelli di luglio e di aprile.

Bankitalia mette in risalto che complessivamente la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione, il lieve apprezzamento dell’euro e gli scarti di emissione hanno diminuito il debito per 1,2 miliardi. Con riferimento ai sottosettori, l’incremento del debito delle Amministrazioni pubbliche riflette sostanzialmente quello delle Amministrazioni centrali (7,1 miliardi).

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.