Nuovi talenti nella moda

Firenze: «Premio Giuliacarla Cecchi 2015» ecco i giovani stilisti vincitori

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
La stilista Pola Cecchi al centro con le modelle che hanno sfilato al Palagio di Parte Guelfa

La stilista Pola Cecchi al centro con un gruppo di modelle che hanno sfilato al Palagio di Parte Guelfa

FIRENZE – Eva Scala, 27 anni della Repubblica Ceca, è la giovane stilista vincitrice del Premio «Giuliacarla Cecchi 2015» destinato ai nuovi talenti nel mondo della moda. Con lei sul podio Jolanda Choo, 23 anni di Singapore e Massimiliano Zumbo, 24 anni di Messina.

I premi sono stati assegnati nel corso di un’esclusiva serata al Palagio di Parte Guelfa a Firenze, nell’occasione dell’anniversario – il 13 novembre – della nascita dell’indimenticata stilista fiorentina Giulia Carla Cecchi, la cui opera è portata avanti da Pola Margherita Cecchi, titolare della Maison d’Alta Moda che porta il nome della madre. È lei l’animatrice del Premio, destinato a valorizzare i nomi emergenti nel campo della moda, giunto quest’anno alla seconda edizione, dopo il «debutto» in Palazzo Vecchio nella stessa data del 2014.

«La bellezza salverà il mondo» ha detto – citando Dostoevskij – il presidente del Consiglio Regionale della Toscana Eugenio Giani, che non ha voluto mancare anche quest’anno alla rassegna, portando il saluto delle istituzioni e congratulandosi per l’originalità e l’obiettivo del Premio «Giuliacarla Cecchi».

I vincitori del premio sono stati scelti tra 15 giovani stilisti promettenti da tutto il mondo, a loro volta selezionati tra decine di progetti pervenuti. Li ha designati una giuria tecnica composta, oltre che da Pola Cecchi, dalla direttrice Galleria del Costume di Palazzo Pitti Caterina Chiarelli, da Mariella Zoppi docente alla facoltà di Architettura, Teresa Pasqui docente di Moda all’Università di Firenze, Cecilia Torricelli presidente dell’Associazione Amici della Galleria del Costume, Tiziana Leopizzi presidente di Artour-o, e dalla giornalista Titti Giuliani Foti. La novità di quest’anno è stato anche il voto di una giuria popolare presente in sala.

I tre vincitori oltre a ricevere una borsa di studio, diventeranno soci di «Firenze e il Sistema Copernicano della moda», un’associazione culturale no profit nata nel 2015 destinata alla valorizzazione dei giovani talenti emergenti nel campo della moda internazionale.

«La prima edizione del concorso – racconta Pola Cecchi – è stato un regalo alla mamma per i suoi cento anni, ma poi non mi sono fermata e ho deciso di dare ai ragazzi un’opportunità che doveva rimanere nel tempo. Dopo il successo del primo anno, è nata un’associazione per promuovere i nuovi talenti. Non voglio che dopo il premio i ragazzi si ritrovino da soli e siano costretti a fare un altro lavoro per guadagnare. Il loro talento va seguito. Lo devo a mia madre, che fece nascere 80 anni fa la Maison che ancora porta il suo nome. Sono passati i tempi, è arrivata la massificazione, ma i nostri vestiti rimangono ancora pezzi unici, perché li pensiamo sulla mente, prima ancora che sul fisico della persona».

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.