Lo sostiene il Comune. Il 27 novembre le nozze. Centro storico blindato a due settimane dagli attentati di Parigi

Firenze, piazza Ognissanti per il matrimonio indiano da sogno: «Una ricaduta da 6 milioni di euro per la città»

di Domenico Coviello - - Cronaca, Economia, Primo piano, Top News

Stampa Stampa
In Piazza Ognissanti il gazebo del matrimonio indiano da favola

In Piazza Ognissanti il gazebo del precedente matrimonio indiano da favola, nel 2013

FIRENZE – Il Comune mette le mani avanti, questa volta. E, per sedare le polemiche, si premunisce di spiegare con una nota ufficiale i benefici di carattere economico che un po’ a tutta Firenze dovrebbero derivare da un maxi matrimonio indiano in città previsto in centro fra una decina di giorni. Intanto però cominciano i preparativi, con provvedimenti di circolazione già da oggi 16 novembre, e progressiva blindatura della zona per ragioni di sicurezza.

PIAZZA A USO PRIVATO – Lo sposalizio da sogno si terrà venerdì 27 novembre in piazza Ognissanti. E già da oggi, 16 novembre, – ben 11 giorni prima – «scattano i primi provvedimenti di circolazione per l’allestimento della struttura che ospiterà la cerimonia» recita il comunicato di Palazzo Vecchio. Ma questi sacrifici per i disagi nel traffico e il vedersi in qualche modo sequestrata a uso privato una delle più belle piazze di Firenze, secondo il Comune sono, di fatto, più che compensati.

I CONTI – Verranno sborsati dagli illustri ospiti, fa sapere il Comune «100 mila euro per l’occupazione di suolo pubblico, circa 20 mila euro di tassa di soggiorno e 58 mila per il restauro della fontana di piazza Santa Croce, con una ricaduta stimata per Firenze di oltre 6 milioni di euro e 600 camere già prenotate negli hotel a 5 stelle della città».

TURISMO WEDDING –  «Firenze si conferma città del Wedding – dice l’assessore allo Sviluppo economico e turismo Giovanni Bettarini – in grado di attrarre grandi matrimoni stranieri con basso impatto in termini di vivibilità della città e alto ritorno economico per gli operatori. Nel 2016 ospiteremo il congresso mondiale dei Wedding planner».

MOBILITA’ – Dal punto di vista della mobilità è previsto per il 27 novembre un divieto momentaneo di passaggio in piazza Ognissanti e sul percorso del corteo degli sposi, che occuperà alcune strade: lungarno Vespucci, via Melegnano, via Montebello, piazza Ognissanti. Mentre da oggi al 3 dicembre saranno in vigore provvedimenti di circolazione per allestimento e disallestimento.

SICUREZZA – Inutile dire che sul piano della sicurezza per i partecipanti allo sposalizio le forze dell’ordine saranno chiamate a fare gli straordinari. Oltre tutto il matrimonio è previsto a due settimane esatte dagli attentati di Parigi che hanno sconvolto l’Europa e si svolgerà a poche centinaia di metri dal consolato statunitense sul lungarno, uno dei perenni «luoghi sensibili» di Firenze, il giorno in cui si concluderà il vertice della Nato.

IL PRECEDENTE – Nel 2013, sempre in piazza Ognissanti, si svolse una altro matrimonio indiano da nababbi, come raccontò FirenzePost: convolarono a nozze Aradhana Lohia, la figlia del magnate indiano Aloke Lohia, fondatore e Ceo di Indorama Ventures Pcl, che produce plastica e lo sposo Kevin Sharma. Per quel matrimonio furono spesi 8 milioni di euro.

Tag:,

Domenico Coviello

Domenico Coviello

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.