Maxisequestro della Guardia di Finanza

Prato, cinesi macellavano in casa animali: polli, oche e galline a centinaia

di Redazione - - Cronaca, Top News

Stampa Stampa
Prato, centinaia di volatili pronti per essere macellati clandestinamente

Prato, centinaia di volatili pronti per essere macellati clandestinamente

PRATO – In un piccolo appartamento a Prato abitato da due cittadini cinesi gli agenti della Guardia di Finanza hanno scoperto polli, oche e galline stipati nelle stanze. Alcuni animali erano già morti, altri ancora vivi o pronti per la macellazione.

CONVIVENZA – Contro ogni normativa igienico sanitaria, di sicurezza, penale e amministrativa, i cinesi condividevano locali, letto, bagno e cucina con i volatili che spennavano e macellavano su ordinazione del cliente di turno.

SEQUESTRO – I finanzieri hanno richiesto l’intervento di personale dell’Asl di Prato: con loro hanno classificato e conteggiato gli animali ancora vivi, 269 volatili di varie specie. Tutto il locale e l’attrezzatura necessaria all’allevamento e alla macellazione, ovvero gabbie, mannaie, forbici e un macchinario utilizzato per ripulire le carni dal piumaggio, nonché bacinelle contenenti scarti di animali, è stato sottoposto a sequestro.

DENUNCIA – I due cinesi che gestivano l’attività abusiva sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per avere avviato una macellazione clandestina di carni immettendole in commercio senza assolvere ai prescritti controlli sanitari così da non garantire le condizioni di igiene degli alimenti prodotti con gravi rischi per la salute pubblica. Indagini sono in corso per capire se, oltre a clienti privati, ci fossero anche ristoratori e grossisti. Gli animali ancora vivi sono stati affidati alla custodia delle associazioni di volontariato per la protezione degli animali.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.