Fino al pomeriggio di oggi resta l'allarme. Gravi danni sulla montagna pistoiese

Toscana, allerta per il forte vento: tetti scoperchiati e alberi caduti. Super lavoro per i vigili del fuoco

di Redazione - - Primo piano

Stampa Stampa
Nubifragio a Firenze, moltissimi gli alberi sradicati da pioggia, grandine e vento

A Firenze per un giorno e una notte è tornata la paura del vento forte

FIRENZE – Nottata da incubo in Toscana per il violento vento di tramontana che si è abbattuto sin da ieri 26 novembre. Moltissime le chiamate dei cittadini ai pompieri che sono intervenuti in un centinaio di casi urgenti da risolvere solo nell’arco delle ore notturne.

Le province più colpite sono Firenze, con 33 interventi di cui due ancora in corso, e Pistoia con 30. Problemi per il vento anche in provincia di Siena, Lucca e Massa. Secondo quanto spiegato dai vigili del fuoco, gli interventi hanno riguardato principalmente tegole e rami pericolanti, sebbene in generale non si siano registrate particolari criticità.

I due casi più gravi sono la caduta di una lamiera su una vettura, verificatasi ieri pomeriggio in via Aretina a Firenze, e il parziale scoperchiamento del tetto di un capannone industriale a Calenzano (Firenze). Il centro funzionale regionale ha stabilito codice giallo per il forte vento fino alle 13 di oggi 27 novembre, salvo ulteriori allerte.

AGGIORNAMENTO ORE 12.05

Tecnici e operai dell’Enel sono al lavoro sulla Montagna pistoiese per ripristinare le linee elettriche danneggiate dagli alberi abbattuti dal forte vento di stanotte. Al momento – informa una nota – ci sono disservizi diffusi a macchia di leopardo in alcune aree dei Comuni di Abetone, Cutigliano, Piteglio e nella parte alta di Pistoia. Enel ha allestito una task force locale, con rinforzi provenienti dalle province di Pistoia, Prato e Lucca, per ripristinare il servizio elettrico.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.