32° Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina

Firenze, progetto «Psychè»: la depressione in Italia colpisce almeno una volta nella vita. Ne soffrono un po’ tutti

di Marianna Feo - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Depressione in Italia

Depressione

FIRENZE: La depressione colpisce un italiano su 10 almeno una volta nella vita e a tutte le età. Sono i risultati del progetto «Psychè» – presentati al «32° Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie» (SIMG), che si chiude oggi a Firenze – con i dati di oltre duemila pazienti.

DEPRESSIONE: La depressione è una patologia da non trascurare ed è sempre più importante il ruolo del medico di famiglia – insieme allo specialista – per la prevenzione, diagnosi e cura del disturbo. In un anno sono stati registrati episodi della durata di due settimane anche tra bambini (2% dei casi), adolescenti (4%) ed over 65 (4,5%).

PSYCHE: L’indagine – che ha visto la partecipazione di 299 medici, di 21 città italiane, che hanno raccolto i dati di 2.045 assistiti colpiti dal disturbo – ha confrontato i vari approccio clinico-terapeutici e valutato l’uso dei farmaci e degli altri strumenti di gestione della patologia. Dalla ricerca è emerso che sono stati invitati ad una visita specialistica il 5% degli ammalati da depressione media e il 2,4% dei casi più gravi. Per quanto riguarda il consumo dei farmaci antidepressivi li hanno assunti il 26% dei malati da forme lievi e il 7,2% dei pazienti più gravi.

LE CURE: Dalla ricerca  emerge la diversità di come i medici di famiglia affrontano il disturbo. E’ invece necessario uniformare le modalità di cura rispettando le diverse esigenze dei malati. L’ambito dei disturbi psichiatrici riguarda prima di tutto il medico di medicina generale che è la prima figura che prende in carico il malato psichiatrico, monitorandone la cura. Il progetto Psychè ha come obiettivo quello di fornire strumenti diagnostico-terapeutici di facile gestione per il medico di famiglia, utili nella fase di diagnosi, nelle scelte terapeutiche e nella fase di monitoraggio, con particolare attenzione alla diligenza del paziente nel seguire la cura. L’iniziativa «Psychè» è realizzata con il contributo dell’azienda farmaceutica Angelini in collaborazione con la Società Italiana di Psichiatria (SIP).

Tag:, ,

Marianna Feo

Marianna Feo

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.