Prima di partire consultare il sito viaggiaresicuri

Kenya: dottoressa italiana uccisa in una rapina. La Farnesina consiglia di evitare zone a rischio

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

malindi

ROMA – Il nostro Ministero degli esteri mette in guardia da viaggi in Kenya, dove stanotte è stata tragicamente uccisa in una rapina la dottoressa italiana Rita Fossaceca e tre connazionali sono rimasti feriti, si vive in una situazione di costante e grande rischio, non solo per gli stranieri.

FARNESINA – Sul sito web www.viaggiaresicuri.it la Farnesina raccomanda: “Anche nelle localita’ piu’ distanti dal confine somalo quali Watamu, Malindi (Mijomboni dove e’ stata uccisa la nostra connazionale e’ a circa 20 km da entrambi, ndr) comunque cautela negli spostamenti e….qualora non si preveda un soggiorno presso strutture alberghiere nelle localita’ della costa, si raccomanda di affittare soltanto case con servizio di sorveglianza e personale affidabili. Si ricorda che episodi di rapina a mano armata sono stati registrati sia in alberghi sia in case private”.

Ciò sia per la crisi della vicina Somalia, da cui sono partiti per compiere attentati i terroristi islamici al Shebaab legati ad Isis (il 21 settembre 2013 l’episodio peggiore con l’attacco al centro commerciale Westgate di Nairobi) ma anche per “il livello della criminalità particolarmente elevato: possono verificarsi aggressioni anche a mano armata senza discriminazione tra cittadini keniani benestanti e stranieri”. Questo non solo nelle grandi città come Nairobi o Mombasa ma anche in località turistiche o nelle loro vicinanze.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.