Kalinic in campo a Reggio Emilia, nonostante le botte ricevute a Basilea

Sassuolo-Fiorentina (stasera alle 19, diretta su Mp e Sky), viola a caccia di 3 punti. Sfida fra strateghi, Sousa-Di Francesco (che punta alla panchina della Roma)

di Ernesto Giusti - - Primo piano, Sport

Stampa Stampa
Nikola Kalinic, non mancherà nonostante la "battaglia" di Basilea

Nikola Kalinic, non mancherà nonostante la “battaglia” di Basilea

REGGIO EMILIA – Perde di brutto la Roma, in casa con l’Atalanta (0-2), dimostrando di non avere smaltito la sbornia di Barcellona, quel 6-1 contro Messi e compagni, ma oltre al Milan vince anche la Juve (0-3 a Palermo) in implacabile rimonta. E allora, in attesa di sapere che cosa faranno Napoli e Inter, alla Fiorentina non resta che vincere a Reggio Emilia contro il Sassuolo, prima dell’ora di cena (fischio d’inizio alle 19). Tre punti da mettere in classifica, nonostante l’oggettiva difficoltà contro un avversario di buonissima levatura, perché altrimenti la squadra viola rischia di essere risucchiata e avvicinata in classifica da contendenti fameliche che la ritengono solo un’usurpatrice del posto che occupa in classifica.

Nonostante il 2-2 con l’Empoli e l’altro 2-2, in Europa League, la Fiorentina continua a giocare bene. Deve semmai evitare di lasciarsi condizionare da episodi capaci di rovinare partite da vincere. Paulo Sousa è convinto della bontà del gioco viola. Ha convocato 22 giocatori, fra i quali c’è Nikola Kalinic: segno che le botte sulle ginocchia rimediate in Svizzera sono state smaltite con qualche cura e un po’ di riposo. Convocato anche Mario Suarez, che andrà in panchina, a disposizione. E convocato Roncaglia, che sarà squalificato in Euroleague ma che è a disposizione per il campionato. La lista completa è questa. Portieri: Sepe, Tatarusanu, Lezzerini; difensori: Alonso, Astori, Gilberto, Pasqual, Rodriguez, Roncaglia, Tomovic; centrocampisti: Badelj, Bernardeschi, Borja Valero, Fernandez, Ilicic, Suarez, Vecino, Verdù; attaccanti Babacar, Kalinic (pur acciaccato dopo le botte ricevuto in Europa League col Basilea), Rebic, Rossi. La formazione? Dovrebbe essere schierato il consueto 3-4-2-1: Tatarusanu; Tomovic, Gonzalo Rodriguez, Astori; Bernardeschi, Badelj, Vecino, Alonso; Ilicic, Borja Valero, Kalinic.

Nel Sassuolo mancherà Berardi. In attacco dovrebbero esserci però Floro Flores, Defrel e Sansone. Squadra difficile da domare quella nero verde. Eusebio Di Francesco, allenatore del Sassuolo, gioca per vincere anche per cercare di coronare un sogno, da ex giallorosso: essere chiamato ad allenare la Roma nella prossima stagione. Garcia sembra davvero al capolinea. Ma per il momento Di Francesco pensa solo alla Fiorentina e afferma: “Penso che sarà una partita importante, contro un avversario che ha grandi mezzi e che ha messo in difficoltà avversari molto quotati. Anche con Montella loro avevano dimostrato di avere grandi qualità, con tanti alti e pochissimi bassi, proprio come sta facendo la squadra viola anche in questo inizio di stagione. Prima di fare valutazioni generali sulla Fiorentina di prima e di adesso, dunque, dico che la squadra sta dando continuità a un progetto partito tanto tempo fa, con un calcio sempre propositivo. Lo dimostra anche la percentuale importante di possesso palla che hanno adesso, la stessa che avevano in passato.Devo dire poi che vanno fatti grandi complimenti a Sousa, perchè ho visto una squadra organizzata, con una chiara fisionomia di gioco”.

 

Tag:, , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.