Nome ispirato all'azienda agricola di Radda

Firenze: nasce Maison Bereto, fra arte e candele profumate

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

candele beretoFIRENZE – Il profumo del Chianti racchiuso in una collezione di essenze per la casa. Ecco il progetto di profumeria artistica firmato Maison Bereto, ispirato al nome dell’azienda agricola Colle Bereto, posizionata a Radda in Chianti e acquistata da Lorenzo e Franca Pinzauti negli anni
Ottanta. Qui oggi si producono vino (60.000 bottiglie all’anno), olio, aceto, grappa e miele e per esaltare i valori della qualità e di queste preziose materie prime tutte toscane è nata l’idea di una linea di candele profumate, un progetto decollato grazie alla passione dei figli di Franca e Lorenzo: Leonardo e Francesca Pinzauti.

Le candele, fatte a mano in una cereria di Bologna, sono state realizzate con il ‘naso’ Michele Marin di Infragranti Parfumeur e con Maurizio Bonas per la supervisione del progetto.
Due le fragranze disponibili: Belvedere, che richiama l’odore dell’erba appena tagliata attorno ai vigneti di Colle Bereto, e Pavillon, che evoca giardini di tuberose e gardenie. La linea sarà in mostra alla fiera Tranoi di Parigi e avrà una distribuzione in negozi di alto livello che spaziano da
abbigliamento ad arredamento alla profumeria artistica (i prezzi partono da 185 euro e si arriva a 475 per la candela da 400 grammi).

Le candele, proposte in tre formati, sono inserite all’interno di un contenitore di design: una boule color ebano in resina, il cui stile deriva da un oggetto usato per fare la bigiotteria, uno strumento che si chiama ‘incoppitore’ in gergo tecnico. In effetti la produzione di bijoux e componenti per gli accessori dei grandi marchi del lusso è il business principale dell’impresa di famiglia, l’azienda Leo France (10.000 mq a Castello, Firenze, dove lavorano 300 addetti). Proprio nel 2016 l’azienda festeggia 50 anni di attività: fu avviata il 1 gennaio del 1966 da Franca e Lorenzo Pinzauti, a cui è stato conferito quest’anno il titolo di Cavaliere del Lavoro.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.