Insieme ai rappresentanti delle Forze dell'ordine

Sicurezza: riunione dei comuni dell’empolese con il prefetto Giuffrida

di Paolo Padoin - - Cronaca

Stampa Stampa

20151202204347336EMPOLI – «Grazie per aver raccolto la richiesta di ascolto e di confronto che ho fatto partire qualche giorno fa a nome di tutti i Comuni dell’Unione Empolese Valdelsa. Questo territorio ha bisogno di una risposta da parte di tutte le forze dell’ordine e di sentire che ogni cittadino viene tutelato al massimo delle potenzialità possibili». Queste la parole del sindaco di Empoli e presidente dell’Unione dei Comuni Brenda Barnini al prefetto di Firenze Alessio Giuffrida e a tutto il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunitosi, questa mattina, mercoledì 2 dicembre, nella sala del Consiglio Comunale di Empoli, di fronte alla maggior parte dei sindaci del Circondario.

Erano presenti, oltre al prefetto, il questore Raffaele Micillo, il comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, colonnello Marco Lorenzoni, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Francesco Lamberti, il primo dirigente del Corpo Forestale Luigi Bartolozzi, insieme a loro anche il dirigente del commissariato di Empoli Francesco Zunino, il comandante della compagnia carabinieri di Empoli, capitano Giorgio Guerrini, il comandante della guardia di finanza di Empoli, capitano Francesco Parodi, la comandante della polizia municipale dell’Unione, Annalisa Maritan, il comandante della polizia della Città metropolitana Roberto Galeotti.

Dopo la premessa del sindaco Barnini, i sindaci dell’Unione presenti hanno fatto una rapida panoramica generale della situazione dei reati e della percezione della sicurezza da parte dei cittadini su tutto il territorio: Alessandro Giunti (Capraia e Limite), Simona Rossetti (Cerreto Guidi), Giacomo Cucini (Certaldo), Alessio Spinelli (Fucecchio), Paolo Pomponi (Montaione), il vice sindaco Lorenzo Nesi (Montelupo Fiorentino), Giulio Mangani (Montespertoli), Giuseppe Torchia (Vinci), assenti Alessio Falorni (Castelfiorentino) e Paolo Campinoti (Gambassi Terme).

Il prefetto Giuffrida ha spiegato come l’andamento dei reati nel circondario Empolese Valdelsa sia complessivamente stabile, sebbene in alcuni Comuni ci sia stato un leggero aumento di furti in casa e in esercizi commerciali, secondo i dati che confrontano il primo semestre 2014 allo stesso periodo del 2015.  Negli ultimi due mesi, fra ottobre e novembre, c’è stata una recrudescenza di reati contro il patrimonio, sempre con furti nelle abitazioni e in attività produttive.

L’obiettivo di tutti è quello di migliorare la sicurezza e la vivibilità del territorio e a tal fine Dal comitato è emersa una nuova procedura che nelle prossime settimane interesserà la polizia municipale che, nell’espletamento delle proprie funzioni, porterà, appena sarà possibile a un coordinamento più efficace «che vedrà l’introduzione di un terzo turno di attività, il quale consentirà alla polizia municipale di essere presente sul territorio anche dopo le ore 20, sempre in collaborazione con le forze dell’ordine presenti sul territorio».

Il comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza si è dato appuntamento tra circa quattro mesi per valutare i risultati delle procedure decise e per fare di nuovo il punto sui fenomeni e sui reati.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.