Lei spesso aveva subìto senza denunciarlo

Borgo San Lorenzo: botte alla compagna. Arrestato. Ai carabinieri dice: Non sapete come si picchia una donna

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

carabinieri follonicaBORGO SAN LORENZO – I carabinieri di Borgo San Lorenzo ieri sono intervenuti in un appartamento alla periferia del centro urbano, in soccorso di una trentacinquenne che era stata aggredita dal convivente. La situazione della famiglia era già nota ai militari ma fino a questo momento la donna non aveva mai presentato denuncia. Dopo questo nuovo episodio di violenza, si è evidentemente resa conto della gravità della situazione e l’uomo è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, violenza privata e minacce.

Per lui è stata disposta la misura cautelare del divieto di dimora nel comune di Borgo ed il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla compagna. Ieri, intorno alle 18,30 i carabinieri sono intervenuti rapidamente dietro segnalazione dei vicini di casa: l’uomo visibilmente agitato ha negato ogni addebito dicendo: “Voi non avete mai visto come si picchia una donna”. Mentre sulla ragazza erano evidenti i segni della colluttazione. La vicenda, a quanto pare, si trascinava da diversi mesi ma dal mese di novembre la situazione era degenerata, dalle minacce l’uomo era passato ai fatti, aggredendola prima con calci, poi con pugni e percosse in casa.

Alcuni giorni dopo, altre violenze in strada. Una serie di referti medici per lesioni lievi, continui interventi dei carabinieri, ma mai una formale denuncia da parte della donna e nessuna volontà di farsi aiutare da un centro antiviolenze. Anche la sera del 5 dicembre era andata nello stesso modo, dalla lite l’uomo era  passato ai fatti percuotendola e procurandole lesioni personali guaribili in dieci giorni; ennesimo intervento dei carabinieri ma anche questa volta gli ostacoli posti dalla donna avevano impedito l’assunzione di misure più restrittive a carico del convivente. Il giorno successivo la lite è scoppiata di nuovo ma questa volta ancor più violenta, tanto che le grida della donna sono state udite anche dai vicini di casa. L’uomo, oltre a picchiarla ed offenderla, le ha preso le chiavi della porta di casa e le ha tolto il cellulare, ma la donna è riuscita comunque a fuggire passando dal tetto dell’edificio e chiedere aiuto ai vicini di casa, che hanno chiamato i carabinieri.  La donna è stata soccorsa e fatta trasportare all’ospedale di Borgo San Lorenzo, dove le hanno diagnosticato altre lesioni lievi.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.