Dopo il danno anche la beffa

Immigrazione, l’Ue: procedura d’infrazione (assurda) contro Italia, Grecia, Malta e Croazia

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano

Stampa Stampa

migranti

BRUXELLES – I burocrati europei decisamente non finiscono di stupire per le loro decisioni spesso incomprensibili. Non contenta di avere completamente fallito la sua azione in tema di politica comune dell’immigrazione e dell’accoglienza, la Commissione europea potrebbe decidere di avviare una procedura di infrazione contro l’Italia e altri paesi di primo arrivo dei migranti (Croazia, Grecia, Malta) per una “non corretta applicazione del regolamento Ue” che prevede la raccolta delle impronte digitali di tutti quelli che sbarcano. È quanto si apprende da fonti comunitarie. La decisione dovrebbe essere presa dal Collegio dei commissari ufficializzata giovedi’ 10 dicembre, quando verra’ pubblicato il pacchetto mensile delle infrazioni alle norme Ue.

Viste queste premesse non ci si deve meravigliare se nel nostro continente proliferano movimenti e partiti antieuropeisti, anzi populisti, come dicono i benpensanti politically correct. Di quest’Europa onestamente possiamo benissimo fare a meno.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.