Le interviste di Fiorentina-Belenenses

Paulo Sousa: non faccio calcoli. Ma ora pensa a battere la Juve

di Ernesto Giusti - - Sport

Stampa Stampa
Fiorentina-Belenenses, Paulo Sousa (a destra) con Sao Pinto, suo vecchio compagno nella nazionale portoghese e ora allenatore del Belenenses

Fiorentina-Belenenses, Paulo Sousa (a destra) con Sao Pinto, suo vecchio compagno nella nazionale portoghese e ora allenatore del Belenenses

FIRENZE – Paulo Sousa contro i portoghesi del Belenenses ha dato spazio anche a quei giocatori che fino a oggi hanno giocato poco oppure stanno cercando di tornare ai propri livelli. Ma lui è categorico: “Io non faccio calcoli, cerco di puntare su tutti e anche su partite importanti come quella di questa sera. E do anche importanza ai giocatori che
ho. I brividi che noi abbiamo fanno parte del nostro lavoro: è più importante esserci. E’ anche importante valutare certi momenti: alcuni andranno meglio di altri. Dobbiamo dare continuità e minuti di gioco ad alcuni giocatori. Sono sempre partite diverse quelle internazionali. Ecco perché sono soddisfatto, poi vediamo  chi troviamo. Sarà un momento importante a febbraio”.

Belenenses saluta la sua prima partecipazione a una coppa europea con l’eliminazione alla fase a gironi: “Senza dubbio
abbiamo avuto un cammino positivo nella competizione, usciamo con dignità – ha detto il tecnico Sa Pinto -. Facciamo l’in bocca al lupo a Paulo e alla Fiorentina per il prossimo turno e per il resto della competizione, credo che la Fiorentina possa arrivare almeno alla semifinale di Europa League”.

Tra i protagonisti viola il difensore Astori, per la sua prestazione e per un errore che poteva costare caro alla Fiorentina, per fortuna Sepe si è fatto trovare pronto con una grande parata: “Volevo vedere se era attento – dice Astori sorridendo -. Questa sera era importante conquistare il passaggio del turno e dare minuti di gioco anche ai giocatori che non giocano spesso”. Una Fiorentina che si ributta sul campionato e alla sfida di domenica a Torino contro la Juventus, con i viola che vogliono proseguire la corsa al primo posto e i bianconeri accorciare le distanze in classifica: Ancora Sousa: “Stiamo facendo bene ma non sveliamo però il nostro segreto, abbiamo una nostra identità: non dipende tanto dal
modulo. Cercheremo di far giocare il meno possibile la Juve”.

Tag:, ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.