La rilevazione dell'Istat

Economia, Italia: crescono i senza fissa dimora in Italia. Nel 2015 sono oltre 50mila

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

Street-Store-a-Napoli

ROMA – Sono oltre 50.700 le persone senza fissa dimora in Italia, in aumento rispetto alle 47.648 stimate nel 2011. La stima arriva dall’Istat sulla base di coloro che nei mesi di novembre e dicembre 2014, hanno utilizzato almeno un servizio di mensa o accoglienza notturna nei 158 comuni italiani in cui è stata condotta l’indagine.

ISTAT – La stima fatta su 158 comuni – chiarisce l’Istat – corrisponde al 2,43 per mille della popolazione regolarmente iscritta presso i comuni considerati dall’indagine, valore in aumento rispetto a tre anni prima, quando era il 2,31 per mille (47 mila 648 persone). Nel complesso la stima è stata fatta su circa un terzo della popolazione residente nel nostro Paese. Tra le persone senza dimora la quota che si registra nelle regioni del Nord-ovest (38%) è del tutto simile a quella stimata nel 2011, così come quella del Centro (23,7%) e delle Isole (9,2%); nel Nord-est si osserva invece una diminuzione (dal 19,7% al 18%) che si contrappone all’aumento nel Sud (dall’8,7% all’11,1%).

UOMINI – Rispetto al 2011, vengono confermate anche le principali caratteristiche delle persone senza dimora: si tratta per lo più di uomini (85,7%), stranieri (58,2%), con meno di 54 anni (75,8%) – anche se, a seguito della diminuzione degli under34 stranieri, l’età media è leggermente aumentata (da 42,1 a 44) – o con basso titolo di studio (solo un terzo raggiunge almeno il diploma di scuola media superiore). Cresce rispetto al passato la percentuale di chi vive solo (da 72,9% a 76,5%), a svantaggio di chi vive con un partner o un figlio (dall’8% al 6%); poco più della metà (il 51%) dichiara di non essersi mai sposato.

GOVERNO – Per le politiche di sostegno delle persone in povertà estrema e senza dimora ci sono almeno 100 milioni di euro per i prossimi sette anni, finanziati da fondi europei e dal Ministero del lavoro e delle Politiche sociali, ha detto il ministro Giuliano Poletti, intervenendo presso il Cnel a una conferenza sulla «grave marginalità adulta». «L’Europa ha scommesso su questo obiettivo e ci sollecita a intervenire con strategie integrate. Le risorse ci sono: complessivamente, almeno 100 milioni di euro nei prossimi sette anni, finanziati dai due programmi operativi di cui il Ministero del lavoro e delle politiche sociali è titolare» ha spiegato Poletti.

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.