All'Hotel Mediterraneo

Firenze: premi dell’Associazione Stampa Toscana e Ussi ad Antoine Leiris, Renzo Ulivieri, Claudia Francardi e Irene Sisi

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Il presidente dell'Ast, SAndro Bennucci premia Antoine Liris per il tramite della console francese a Firenze, Isabelle Maillez

Il presidente dell’Associazione Stampa Toscana, e direttore di FirenzePost, Sandro Bennucci premia Antoine Leiris per il tramite della console francese a Firenze, Isabelle Mallez

FIRENZE – Un filo rosso ha unito idealmente i premi che sono stati consegnati martedì sera, 15 dicembre, all’Hotel Mediterraneo in occasione della cena di Natale organizzata dall’Associazione Stampa Toscana. Quello che porta il nome di solidarietà e resistenza all’odio.

In mezzo a tantissimi colleghi, la console onoraria di Francia Isabelle Mallez ha ricevuto, non senza un pizzico di commozione, dal presidente dell’Associazione Stampa Toscana, e direttore di FirenzePost, Sandro Bennucci, il premio che l’Ast ha deciso di assegnare ad un collega, Antoine Leiris, che nell’attentato terroristico del 13 novembre scorso a Parigi ha perso la giovane moglie. La sua lettera, «Non avrete il mio odio» rivolta agli assassini, è diventata virale e ha commosso tutto il mondo. Il riconoscimento dell’Ast è stato un modo per abbracciarlo e mostrare totale condivisione con il suo pensiero rivoluzionario e pacifista.

Il colonnello Saverio Spoto (a ds.) ha ritirato il premio per Claudia Francardi e Irene Sisi

Il colonnello Saverio Spoto (a ds.) ha ritirato il premio per Claudia Francardi e Irene Sisi

Al tempo stesso, il premio dedicato a Claudia Francardi, moglie del carabiniere Antonio Santarelli, ucciso a bastonate a Sorano il 25 aprile 2011, e a Irene Sisi, la mamma dell’omicida, è un altro segnale forte. Le due donne, infatti, hanno voluto superare la barriera di odio che avrebbe potuto dividerle per sempre per fondare l’Associazione AmiCainoAbele, votata alla solidarietà e al sostegno di chi ha più bisogno.

Infine il premio dell’Ussi, gruppo di specializzazione dei giornalisti sportivi, è stato consegnato ad un grande nome dello sport e non solo. Renzo Ulivieri, allenatore di calcio e punto di riferimento per gli allenatori a Coverciano, ha ricevuto il riconoscimento non solo per la sua lunga e proficua attività professionale ma soprattutto per il lavoro che, insieme agli altri colleghi allenatori, costantemente lo porta nelle carceri, nei campi profughi e nei luoghi di dolore per aiutare e dare un’occasione di vita a chi non sembra avere speranza.

Anche l’Arga, gruppo di specializzazione dei giornalisti che scrivono di ambiente, cibo e natura, ha voluto premiare Renzo Ulivieri. Due premi speciali, infine, per Elena Bencini e Sonia Papalini, per il loro lavoro costante e importantissimo per l’Associazione Stampa e tutti noi.

Da sinistra: Sandro Bennucci, Renzo Ulivieri e Franco Morabito (Ussi)

Da sinistra: Sandro Bennucci, Renzo Ulivieri e Franco Morabito (Ussi)

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.