La cerimonia nella Sinagoga fiorentina

Firenze: Maria Adelaide (Gina) Silvestri Sabatini riconosciuta Giusta fra le Nazioni. Strappò i Della Pergola ai nazifascisti

di Redazione - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Giovedì prossimo in sinagoga a Firenze medaglia a Vittoria Valacchi

La Sinagoga di Firenze

FIRENZE- Maria Adelaide (detta Gina) Silvestri Sabatini è stata riconosciuta ‘Giusta fra le Nazioni’. La cerimonia di conferimento della medaglia si è tenuta nella Sinagoga di Firenze ed è stata consegnata al nipote Federico Sabatini. Alla cerimonia hanno partecipato tra gli altri la presidente della comunità ebraica di  Firenze Sara Cividalli, il professor Sergio Della Pergola, salvato da Gina insieme ai suoi genitori dal genocidio nazista, il ministro e  consigliere dell’ambasciata di Israele in Italia Rafael Erdreich e l’assessore al Welfare Sara Funaro, che ha portato il saluto della  città.

Il nome di Gina si va ad aggiungere insieme a quello di Livia Sarcoli, della quale non è stato possibile rintracciare dei parenti, nel
registro dei Giusti del Memoriale dello Yad Vashem di Gerusalemme, l’istituto israeliano che rende immortale omaggio a chi mise a rischio la propria vita pur di sottrarre anche un solo individuo alla barbarie nazifascista. Fu grazie a Livia e Gina se il nucleo familiare dei Della Pergola (il  padre Massimo, noto giornalista sportivo e ideatore del Totocalcio in un campo di lavoro in Svizzera, la moglie Adelina e il figlio Sergio)  ebbe modo di mettersi in salvo. I Della Pergola si erano rifugiati a Firenze nell’agosto del 1943, dopo aver lasciato Trieste.

”Una persona che salva le vite altrui, mettendo a rischio la propria, salva non solo un pezzo di futuro ma anche dell’attualità perché ogni persona salvata contribuisce a creare la società in cui viviamo – ha detto l’assessore Funaro -. Capita a volte che ci dimentichiamo di quello che hanno fatto i nostri predecessori e di quanto sia importante ancora oggi salvare vite umane, mentre dobbiamo fare in modo di continuare a tendere una mano a chi ha bisogno, come è stata tesa in passato. È importante continuare a organizzare iniziative nelle scuole che valorizzano il Ricordo nei nostri giovani – ha concluso Funaro – perché anche i nostri ragazzi possano continuare a rimboccarsi le maniche per aiutare le persone in difficoltà”.

Il riconoscimento di ‘Giusta fra le Nazioni’ indica i non-ebrei che hanno rischiato la propria vita per salvare anche un solo ebreo dal
genocidio nazista, dalla Shoah. Maria Adelaide Silvestri Sabatini fece fuggire numerosi ebrei in Svizzera, procurando loro anche documenti e carte di identità falsi nonché anche luoghi di rifugio. Diverse testimonianze confermano che era Gina stessa, alcune volte, ad
accompagnare personalmente i fuggitivi da Firenze fino al confine svizzero tra cui anche le famiglie Forti, Brunner e Silvia Purita.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.