I dati del terzo trimestre 2015

Firenze, Confesercenti: «Fatturato imprese del commercio a +2,4%, non accadeva da 7 anni»

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
L'impresa presenta il conto (da sinistra Massimo Biagioni, Direttore Confesercenti Toscana, Nico Gronchi, Presidente provinciale Confesercenti e Alberto Marini, Direttore provinciale Confesercenti)

Al centro Nico Gronchi, Presidente di Confesercenti Firenze

FIRENZE – Per la prima volta negli ultimi 7 anni i piccoli imprenditori del commercio, turismo, servizi del nostro territorio possono trascorrere le festività natalizie con un po’ di serenità in più rispetto alle turbolenze degli anni della «Grande Crisi». Il peggio sembra essere passato, e, dopo un periodo di enormi difficoltà, anche questa tipologia di imprese, da sempre l’ultima a rimettersi in moto dopo grandi periodi di depressione economica, sembra essere ripartita.

Lo certifica l’Osservatorio Economico Confesercenti, che, stando all’analisi del campione di Imprese selezionato in Piazza Pier Vettori, registra finalmente con il terzo trimestre 2015 (per la prima volta dal 2007), un aumento di fatturato del +2,43%.

Buone in particolare le performance di intimo e merceria, ottica, elettrodomestici, telefonia, bar, ristoranti, commercio su area pubblica, turismo. Restano invece al palo altri settori tradizionali, da tempo in sofferenza, con maggiori difficoltà a intercettare la «ripresina»: giocattoli, librerie, ambulanti alimentari.

Da segnalare, dopo 7 anni di crisi nerissima i primi segnali positivi che sembrano giungere dalle imprese al dettaglio di abbigliamento uomo, donna, bambino, calzature. «Un segnale, quest’ultimo, di grande importanza, a pochi giorni dall’inizio dei saldi invernali, previsto per il prossimo 5 Gennaio», commenta Nico Gronchi, presidente Confesercenti Firenze. Ma aldilà delle performance delle singole tipologie commerciali «il turismo si conferma vero e proprio traino della ripresa, anche se il settore, soprattutto a Firenze, soffre le problematiche proprie di una crescita fuori controllo».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.