I risultati dell'incontro al Ministero dello sviluppo

Piombino, Aferpi, ex Lucchini, Fim: fiducia nell’investimento Cevital

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Aferpi (ex Lucchini )Piombino

Aferpi (ex Lucchini )Piombino

ROMA – “Quanto è stato detto stamani ci conforta e conferma la fiducia che abbiamo sempre espresso nel progetto per Piombino. Vista la complessità delle problematiche però, la Fim continuerà a monitorare tutte le fasi che porteranno agli investimenti, perché venga attuato in tempi congrui tutto quanto è ancora in sospeso. Questa è la sola prospettiva per garantire a Piombino un futuro di occupazione.”

E’ la valutazione del Segretario della Fim di Livorno, Fausto Fagioli, sull’incontro svoltosi stamani al Ministero dello Sviluppo Economico sulla riconversione delle ex Acciaierie Lucchini a cui hanno preso parte anche il Ministro Guidi, il Sottosegretario De Vincenti, il presidente della Port Authority Luciano Guerrieri, il sindaco di Piombino Massimo Giuliani, Gianfranco Simoncini per la Regione Toscana e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali territoriali e nazionali.

Nell’incontro si è discusso di costo dell’energia, infrastrutture, ammortizzatori sociali e tfr per i lavoratori e soprattutto della solidità del progetto Cevital. “Da questo punto di vista – dice Fagioli – sia il ministro Guidi che il sottosegretario De Vincenti, dopo colloqui sia con Issad Rebrab che con l’a.d. Fausto Azzi, hanno confermato ampia fiducia al piano Cevital e smentito i rumors sul blocco dei capitali arrivati nelle ultime settimane dall’Algeria”. Buone notizie anche sul fronte energia perché, racconta Fagioli, “il Governo ha assicurato che Aferpi potrà accedere ai procedimenti ‘Interconnector’ e ‘Interrompibilità’ e quindi potrà contare su energia a un costo analogo alle imprese del nord. Qualche problema in più invece per Arcelor Mittal, per la quale dovrà essere aperto a gennaio un tavolo specifico.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.