Ancora effetti della legge Fornero

In pensione nel 2016: l’età sale a 66 anni e 7 mesi per gli uomini e 65 e 7 mesi per le donne

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano

Stampa Stampa
Pensionati in coda

Pensionati in coda a un ufficio postale

ROMA – In pensione sempre più tardi: da gennaio 2016 cambiano i requisiti per lasciare il lavoro. È il «regalo» della legge Fornero che prevede il tanto contestato piano di innalzamento progressivo dell’età e degli anni contributivi.

Dal prossimo mese, dunque, il primo del nuovo anno, la situazione dei lavoratori dipendenti è questa: per la pensione di vecchiaia, gli uomini devono avere 66 anni e 7 mesi mentre le donne 65 e 7 mesi (nel 2015 era rispettivamente: 66 anni e 3 mesi e 63 e 9 mesi).

Per l’accesso al pensionamento anticipato invece bisogna avere contributi per 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne (nel 2015 erano rispettivamente: 42 e 6 mesi e 41 e 6 mesi). Uomini e lavoratrici del settore pubblico potranno invece andare in pensione a 66 anni e 7 mesi.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.