Domenica 10 gennaio alle 21

Firenze, Pergola: Marcel Proust visto da Maria Cassi col trio Lucchesini-Rizzi-Brunello

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Mario Brunello e Andrea Lucchesini

Mario Brunello e Andrea Lucchesini

FIRENZE – Questa settimana il secondo evento in cartellone per gli Amici della Musica al Teatro della Pergola è un concerto-spettacolo intitolato «La petite phrase: Marcel Proust e la musica», con l’ottimo trio Lucchesini-Rizzi-Brunello completato dall’attrice Maria Cassi.

«La petite phrase» è un passaggio di una sonata per violino e pianoforte che Charles Swann, nel primo libro de «À la recherche du temps perdu», si trova ad ascoltare più volte e che scandisce varie fasi della sua presa di coscienza di sé e del suo tormentato amore per Odette de Crécy. L’importanza della musica nella «Recherche» riflette naturalmente quella che aveva nella vita del suo autore Marcel Proust, che prende spunto dalle varie esecuzioni della fittizia “sonate de Vinteuil” per esporre, nel suo romanzo, le sue teorie musicali.

«La musica è l’esempio unico di ciò che si sarebbe potuta dire – se non ci fosse stata l’invenzione del linguaggio […] – la comunicazione delle anime», scrive Proust nel quinto volume della «Recherche», dove si legge pure: «mi ha portato gioie e certezze ineffabili, e mi ha dato la prova che qualcos’altro esiste oltre il nulla […]. Essa corre come un filo conduttore attraverso il labirinto di tutta la mia opera”.

Spiega il pianista Andrea Lucchesini: «In queste parole è racchiuso il senso dell’omaggio musicale che abbiamo concepito, come una traccia tra le tante possibili per indagare il rapporto tra Proust e la musica: un rapporto fatto di passione e di piacere nell’ascolto, di attenzione critica verso le novità dei linguaggi compositivi, di desiderio di godere anche della musica più  leggera senza alzare troppo il sopracciglio, di fiducia nella musica come cartina di tornasole per collocare i personaggi (e le persone incontrate) in una ideale gerarchia di autentica nobiltà d’animo. La musica che compare nella “Recherche” è sempre una musica immaginaria, frutto delle emozioni che pezzi diversi hanno suscitato nello scrittore, così forti e persistenti da incarnarsi nella cosiddetta ‘petite phrase’, vero e proprio leitmotiv nella storia d’amore tra Swann e Odette. Andremo quindi insieme alla ricerca delle musiche che percorrono sottotraccia l’opera proustiana, seguendo gli indizi disseminati nei tanti scritti e studi che l’hanno indagata, ma cercheremo al contempo di restituire l’atmosfera della Parigi tra XIX e XX secolo, ascoltandone l’eco che risuona in una delle menti più geniali dell’intera storia letteraria francese».

Le musiche che percorrono anche sotterraneamente gli scritti di Proust saranno eseguite eseguite dal pianista Andrea Lucchesini (ideatore del programma), dal violinista Marco Rizzi e dal violoncellista Mario Brunello e si intrecceranno alla lettura, ad opera di Maria Cassi, dei passi che le rivelano.

Andrea Lucchesini e Mario Brunello, il cui sodalizio artistico risale alla loro primissima giovinezza, saranno ancora insieme lunedì 11 sul palco del Saloncino della Pergola, con la violinista Lorenza Borrani, per eseguire i bellissimi trii in si bemolle maggiore op.99 D 898 e in mi bemolle maggiore op.100 D 929 (il leit motiv di «Barry Lindon» di Kubrick) di Schubert.

Teatro della Pergola (via della Pergola 18, Firenze)

Domenica 10 Gennaio 2016, ore 21

Andrea Lucchesini (pianoforte), Marco Rizzi (violino), Mario Brunello (violoncello), Maria Cassi (voce recitante)

«La petite phrase: Marcel Proust e la musica»
C. DEBUSSY: Trio in sol maggiore: Andante con moto allegro.
F. CHOPIN: Sonata per violoncello in sol minore op. 65: Largo.
R. HAHN: Sonata per violino e pianoforte in do maggiore: Modéré, très à l’aise, au gré de l’interprète; 2 Chansons, per violoncello e pianoforte.
C. FRANCK: Sonata per violino e pianoforte in la maggiore: Allegretto ben moderato – Allegro.
C. SAINT-SAËNS: Sonata n.1 per violino e pianoforte in re minore op.75: Allegro agitato.
C. FRANCK: Sonata per violoncello e pianoforte in la maggiore (adattamento dalla Sonata per violino e pianoforte): Recitativo-Fantasia: Ben moderato – Allegretto poco mosso.
G. FAURÉ: Trio per violino, violoncello e pianoforte in re minore op. 120: Andantino.

Saloncino del Teatro della Pergola

Lunedì 11 gennaio ore 21

Andrea Lucchesini (pianoforte), Lorenza Borrani (violino), Mario Brunello (violoncello)

Franz SCHUBERT: Trio in si bemolle maggiore op.99 D 898; Trio in mi bemolle maggiore op.100 D 929

Info biglietti: Amici della Musica Firenze, tel. 055607440, info@amicimusica.fi.it On line su www.boxol.it

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.