Nei pressi di Marcialla. L'uomo si chiamava Giancarlo Leoncini, 63 anni, di Certaldo

Val d’Elsa, cacciatore ucciso da un colpo di fucile durante una battuta di caccia al cinghiale

di Redazione - - Cronaca, Primo piano

Stampa Stampa
Vanno a caccia di cinghiale ma uccidono un cane nel grossetano

Tragedia durante una battuta di caccia

FIRENZE – Tragica battuta di caccia al cinghiale in Valdelsa nei pressi di Marcialla, frazione al confine tra Certaldo e il comune di Barberino: un cacciatore di 63 anni, Giancarlo Leoncini, di Certaldo, è morto oggi 5 gennaio in seguito alle ferite riportate dopo essere stato colpito dai proiettili di un fucile.

Il dramma è avvenuto nelle vicinanze del lago di Tavolese. L’uomo, secondo le prime informazioni, faceva parte di una squadra impegnata nell’abbattimento di cinghiali in una zona di ripopolamento e cattura.

A ucciderlo, stando ai primi rilievi dei sanitari del 118, una ferita di fucile penetrante al torace e addome. Sul posto anche i vigili del fuoco e i carabinieri, questi ultimi al lavoro per capire da dove sia partito il colpo e chi lo abbia sparato.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.