I tempi degli indennizzi non saranno rapidi

Banca Etruria: venerdì 8 gennaio incontro dei risparmiatori a Roma col presidente Nicastro (salta l’incontro con Bertola)

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

etruria1

ROMA – Venerdì a Roma si terrà un incontro fra il presidente di tutte e 4 le ‘nuove banche’ Roberto Nicastro, gli ad degli istituti e l’Associazione vittime del salva banche. A quanto si apprende la riunione, che sostituisce quella in programma per domani ad Arezzo fra l’ad della Nuova banca Etruria Roberto Bertola e i risparmiatori, permetterà così uno scambio più ampio su tutti gli istituti di credito coinvolti. Sarà presente anche la consigliera indipendente delle 4 banche Maria Pierdicchi.

Certo i tempi per gli indennizzi non sono velocissimi malgrado il meccanismo messo in piedi dal governo con il decreto di novembre preveda, più che la costituzione di un arbitrato sull’intera materia, un esame limitato al tema delle quattro banche affidato appunto all’Anac. Lo stesso numero uno dell’anticorruzione Raffaele Cantone in un’intervista al Messaggero ricorda che servono due decreti: uno che fissa i presupposti per accedere agli indennizzi, l’altro che stabilisca la procedura e individui il coinvolgimento della camera arbitrale. Per questo, secondo alcuni, non potranno arrivare nei prossimi giorni ma servirà più tempo.

Secondo fonti giuridiche i criteri saranno delineati in modo da non configurarli come un risarcimento di danno e l’arbitrato sarà una sorta di ‘corsia preferenziale’ rispetto a un parallelo eventuale procedimento civile. Il giudice, se dovesse essere in corso l’arbitrato, potrebbe infatti rimandare il procedimento al termine del percorso della camera dell’Anac. Ovviamente al netto di eventuali situazioni di rilevanza penale come truffe o firme false sui documenti. Non si creeranno quindi precedenti giuridici sia perchè l’ordinamento italiano non li contempla sia perchè appunto l’autorità valuterà ‘caso per caso’. Per non incorrere nel veto Ue sul ristorno quindi si tratterà piuttosto di alleviare le perdite di chi ha investito buona parte del proprio patrimonio nelle obbligazioni con meccanismi graduali a seconda del volume del risparmio.

 

 

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.