Scattano le nuove regole dell'Autorità per l'Energia

Bolletta Enel. Le nuove tariffe elettriche 2016: meno consumi, più paghi

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Primo piano, Top News

Stampa Stampa

-bolletta-della-luce

ROMA – Della bolletta del’Enel in questo periodo si è discusso molto perché vi è associato, secondo le decisioni del Governo, anche il pagamento del canone Rai. Ma non molti hanno letto invece alcune novità che sono state introdotte dall’Autorità per l’energia con una sua delibera del 2 dicembre 2015. Che si traduce nella frase: meno consumi più paghi.

RIFORMA – Questo paradosso è l’effetto della riforma della tariffa elettrica che è entrata in vigore a partire dal primo gennaio. Con il 2016, infatti, 30 milioni di utenti cominciano a ricevere una nuova tipologia di bolletta che dovrebbe rendere il costo dei servizi «più trasparente ed equo». Questa è l’intenzione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas che il 2 dicembre ha approvato una delibera in risposta a una direttiva europea sull’efficienza energetica. A conti fatti però le bollette di chi consuma di più risulteranno più leggere e viceversa, a conferma che molte regole europee sono insensate.

PILASTRI – La riforma si basa su due pilastri. Innanzitutto l’abolizione della progressività, ossia il meccanismo introdotto 40 anni fa in seguito agli choc petroliferi degli anni ’70 che fa pagare di più il kWh a chi consuma di più e di meno a chi ha consumi bassi. Inoltre i costi di rete che costituiscono il 40% della bolletta (cioè i costi pagati per la trasmissione, distribuzione e misura dell’energia elettrica) verranno spostati sulla parte fissa, cioè verranno pagati per punto di prelievo e per potenza impegnata, anziché per kWh consumato. Secondo l’Autorità «ogni utente pagherà in modo equo per i servizi che utilizza e la gradualità permetterà di evitare eccessivi effetti su chi oggi con bassi consumi paga un po’ meno: ora andrà a pagare l’esatto corrispettivo per il servizio che usa, non più agevolato ma congruente con i costi».

DUE FASI – Il processo di cambiamento sarà graduale e si svolgerà in due step: è partito da gennaio 2016 e avrà un altro passaggio nel 2017 per arrivare a regime nel 2018. Con il nuovo regime, saranno favorite le famiglie numerose mentre la bolletta sarà più cara per la famiglia tipo, e il rincaro maggiore sarà per i single benestanti. In particolare, per la famiglia tipo (2,3 persone secondo l’Istat) si stima che la spesa media annuale aumenterà (tra il primo gennaio 2015 e il primo gennaio 2018) di 21 euro (+0,9 euro al mese nel 2016, +0,09 euro nel 2017 e +0,76 euro nel 2018); per le famiglie numerose è invece previsto un risparmio di circa 46 euro. Il rincaro maggiore sarà per i single benestanti, che pagheranno 78 euro in più (+2 euro al mese nel 2016, +3,7 euro nel 207 e +0,6 euro nel 2018). Nessuna variazione invece per famiglie e single bisognosi, che beneficeranno del bonus elettrico (nel 2016 automaticamente potenziato dall’Autorità per l’energia).

CONSUMI – Vediamo i rincari in base ai consumi. Un utente con consumi molto bassi, 900 kWh, a riforma completata (nel 2018) pagherà ben 117 euro in più rispetto ad adesso su di una bolletta attuale di 260 euro/anno. Nel 2016 la sua bolletta sarà più cara di 20 euro. Un utente con consumi alti, 6000 kWh, l’anno risparmierà nel 2018 quasi 600 euro su una bolletta da circa 1.500 euro. Nel 2016 il risparmio sarà di 160 euro. Il residente con consumi medi, 2.700 KWh/anno, nel 2016 spenderà 9,8 euro in più mentre a fine riforma, nel 2018 la sua bolletta sarà di 19 euro in più.

FAMIGLIE – Per le famiglie a basso reddito l’Autorità ha previsto un «ammortizzatore»: si tratta del bonus sociale di sconto che nel 2016 viene potenziato in modo che le famiglie a basso reddito non ci sia nessun aggravio di spesa. A regime lo sconto dovrebbe essere portato dal 20 fino al 35% della spesa e con un ampliamento della platea.

La riforma delle tariffe dovrebbe incentivare l’installazione di apparecchiature elettriche efficienti, oggi frenate dagli eccessivi costi di utilizzo a causa della progressività del sistema.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Commenti (48)

  • gabriele

    |

    A me sembra giusto, nel senso che il kwh deve costare sempre uguale, poi se consumi 10 paghi il prezzo per 10, se consumi 100 paghi il prezzo per 100, come per il resto, non è che più benzina consumo e più il prezzo al litro aumenta!
    Ovviamente a tale scopo aumenteranno i costi fissi, non saranno più ripartiti sui consumi ma sui punti di prelievo, ovvero: possedere un contatore costa tot, poi paghi il consumo.
    In linea di principio lo trovo corretto, poi il fatto che sia caro è un altro discorso, ma il concetto è giusto.
    Altro discorso: se si vuole incentivare l’uso della corrente elettrica a discapito del gas, bisogna prevedere un modo per non tartassare chi consuma molto in termini di kwh elettrici ( rinnovabile) al posto dei kwh ricavati dal metano ( fossile).Se mi scaldo con pompa di calore, uso la cucina a induzione, quindi sono avanti, non vedo perchè bisogna far crescere la mia bolletta esponenzialmente e non solo in base ai consumi.
    P.s. Io non faccio il tifo per nessuno, consumo 2500 kwh all’anno e 800 mc di gas.

    Rispondi

  • Francesco

    |

    Che vergogna!! Io e la mia compagna in 5 anni di convivenza abbiamo impostato uno stile di vita che ci ha permesso di risparmiare elettricita’ con soddisfazione e senza farci mancare nulla. Dai 110 soliti siamo arrivati a 180!!! Poi digitando su Google “Enel più cara” vengo a scoprire che per noi semplici cittadini e’ finita la pacchia!!! Ma prima o poi le cose gireranno diversamente…

    Rispondi

  • Monica

    |

    Famiglia di cinque persone. Oculatezza nei consumi. Fotovoltaico da 6 kw/h per 13500 euro fatto nel 2013. Contatore da 4,5 kw. Bollette fino al 2015 per un massimo di 55 euro a bimestre. Prima bolletta del 2016 150 euro, seconda 136,97. Questo impianto doveva essere ripagato in 7 anni. Domanda: con questi aumenti, quanti anni ci metteremo per ripagarlo? Mi bastano i 20 anni dell’incentivo? Gli accidenti volano!

    Rispondi

    • ivan

      |

      hai un fotovoltaico da6 kw e un contatore da 4,5. , perdi 1,5 kw di produzione,

      Rispondi

  • Andrea

    |

    Conviene farsi la corrente con in generatore diesel

    Rispondi

    • MARIO

      |

      Considerando il mio nucleo familiare di 3 persone con reddito di €. 16.000,00 (anno 2015) dichiaro inaccettabile questi costi maggiori che stiamo subendo. Riferendomi alla bolletta di fine anno 2014/15 di € 65,00 e a quella di fine anno 2015/16 di € 95,00 su una base di consumo equivalente, noto con enorme dispiacere un incremento bimestrale di €. 35,00 (spese, accise ed IVA, che chiaramente è un ulteriore introito per il ns. governo).
      Rinnovo con dispiacere che gli italiani sono un popolo di pecoroni a cui piace subire qualsiasi ingiustizia. E’ stiamo aspettando ancora il canone RAI!!!!!!

      Rispondi

  • Federico

    |

    Torno oggi da 14 giorni all’estero per motivi familiari e trovo la sorpresa.
    Dal 31/12 al 03/03 per 498 Kw/h un totale 105.29€ in altri termini 61.50€ di costi fissi e 43.79€ di consumo.
    Bolletta emessa il 05/03 e non consegnata prima del 16/03 (data partenza) con scadenza il 25/03. Ovvio che pagherò in ritardo…
    Nello stato comunitario dove ero il costo fisso per utenza domestica è 32.00€/anno, quello a kwh senza fasce è 0.05€.
    L’Italia è un paese che ha perso onestà, dignità, decoro.
    Mi chiedo di quali Qualità Nazionali pensiamo di poter far profitto all’estero?

    Rispondi

  • Stefano

    |

    Siamo in 7 per 7000 kw annui.Usiamo poco le pompe di calore (l’ unico sistema che moltiplica per 4 il calore rispetto all’energia impiegata). Risparmieremo un pó e progressivamente di piú). La direttiva Europea é assolutamente sensata poiché blocca la progressivitá delle tariffe ( da 15 a 38 cent!). Usando bene l’elettricitá si potrebbero eliminare molte reti del gas ( con relativi costi) per non parlare di inquinanti caldaie a biomasse che continuano insensatamente ad essere incentivate. Chi da la colpa a Renzi non ha capito che non c’entra niente e se c’entrasse qualcosa( non é questo il caso) avrebbe fatto una cosa buona.

    Rispondi

    • Sante

      |

      Caro Stefano, evidentemente la tua bolletta elettrica 2016 non ha subito aumento, bensì diminuzione. La mia è aumentata del 30% anche con diminuzione dei kw consumati.

      Rispondi

      • Oreste

        |

        bolletta di casa residenziale passata da € 105,00 circa ad € 145,00!!!
        Bolletta di casa estiva (disabitata per 11 mesi l’anno) passata da € 20,00 circa ad € 45,00….
        Fate un pò voi…..
        Questo aiuta la famiglie numerose?
        Ma dai….
        la maggior parte delle famiglie italiane è composta da 2 a max 4 elementi…..
        non siamo mica nel 1930!!!! dove avere 4/5 figli era la regola…

        Rispondi

  • michaela

    |

    Appena ricevuta. Consumo 0 = bolletta € 43,90.
    La voce maggiore, quasi € 30,00 per Spese trasporto e gestione contatore ! Oltre IVA.
    La bolletta da € 21,71 è passata ad € 43,90. Il doppio per un consumo zero. E’ un furto legalizzato. La nuova bolletta non è affatto più chiara !

    Rispondi

  • Bart

    |

    In effetti l’aumento e’ per tutti, anche per chi consuma piu’ della media, a risparmiare saranno solo grosse industrie forti consumatrici.
    L’enel ci guadagna in ogni caso, perche’ oltre 80 % degli utenti si e’ visto aumentare la bolletta.Di questo e tanto altro dobbiamo dire grazie ad un fiorentino che predica bene e razzola male.

    Rispondi

  • marta pavia

    |

    pensate che io ho una casa al mare quindi chiusa tutto il periodo invernale ,circa 20 giorni fa’ mi è arrivata una bolletta di 26,00 euro con un consumo di energia di 6,45 euro che nessuno ha consumato poichè l’interruttore generale è staccato.
    Mi sono informata e praticamente ho scoperto che mettendo in bolletta questo minimo consumo (inventato di sana pianta) ti fanno pagare tutto il resto(tipo canone ,trasporto energia ecc.) poichè fino ad oggi a bolletta 0 di consumo io non pagavo niente!capito…..?

    Rispondi

  • andrea

    |

    Ma ….avete notato che la bolletta (per lo meno di ENEL servizio elettrico) e’ relativa a 3 mesi e non i soliti 2 perche’ lo scorso anno ne hanno fatta una per un solo mese con i vecchi conti? Alla fine credo che l’incremento sia tutto sommato contenuto sulle fasce basse e un buon aiuto per chi ha deciso di puntare su un’energia piu’ pulita come l’elettrica (se prodotta bene …e io contribuisco con i miei pannelli fotovoltaici)

    Rispondi

    • Filippo

      |

      Anche la mia Prima bolletta 2016 abbraccia un periodo che va da gennaio ai primi di marzo. E riscontro almeno un 15 euro in più. Non riesco a fare un confronto con la corrispettiva dell’anno passato perché il periodo è più lungo e rispetto ad un anno fa adesso ho una asciugatrice. Anche se non credo che mi abbia consumato 15 euro….. dovrò aspettare le prossime per capire meglio

      Rispondi

      • maurice

        |

        la bolletta non è di tre mesi ma due(gennaio e febbraio)arrivata in marzo,forse inclusiva dei primi 3-4 giorni di marzo.Il mio aumento sull’energia consumata quasi il triplo(da 0,067 per kwh a 0,18),per un irrisorio consumo di 88 kwh pago quais 15 euro invece di 6.Le spese accessorie(ossia le gabelle)si aggirano,tra fisso e varie,sui 40 euro invece dei 30-35 precedenti.Non conta che in questo caso la differenza non sia una gran cifra in sè,è la sostanza cha non va:perchè devo pagare di più per un minore consumo?Anche in regime di pagamento uguale per tutti,dovrebbe vigere la proporzionalità:più kilowatt,più euro,e non il contrario.Europa di merda!Infine:i pannelli fotovoltaici non sono accessibili-per costo e per piazzamento logistico-a tutti quindi non si può accamparli come pretesto per fare gli accondiscendenti con questa ennesima stretta sui portafogli dei bersagli di sempre:chi non si può nascondere dietro a privilegi e furbizie ed è esposto all’esosità dello stato(pensionati in primis)

        Rispondi

  • Raffaele

    |

    Perchè prenderci anche per il k..lo? Bolletta semplificata e di facile lettura? Prima c’erano i costi/kw che sono spariti. Solo per i consumi, a parte le accise ed altre voci, mi ritrovo circa 20 € in più.
    Per sapere il costo a kw devo andare su internet e consultare tutte le delibere ENEL e chi non ha PC e non sa come conoscerlo deve andare ad un Centro Enel.
    Qui si danno i numeri per davvero. Definire vergognoso è troppo poco.
    E le associazioni dei consumatori che fanno? Dormono?

    Rispondi

  • marzio

    |

    Ma come si fa a definire a priori “Single benestante”?? Perfavore non scriviamo boiate! Guardiamo il suo reddito,l’affitto da pagare,le spese per il riscaldamento,condominiali,magari mettiamoci il viaggio per andare al lavoro,forse che mangia pure lui e si veste…benestante!? Gia’ mi girano per l’aumento pure essere preso per il naso no!

    Rispondi

  • Giancarlo petrelli

    |

    Primo bimestre 2015 consumo 79 kwh costo 19,28 € (0,24 €/kwh),
    Primo bimestre 2016 consumo 73 kwh costo 29,30 € (0,40 €/kwh)
    Aumento del 67%
    Sì sono accorti che c’era una forte tendenza alla riduzione dei consumi e a scanso di equivoci hanno scorporare i costi fissi che pagheremo adesso sempre, indipendentemente da quanto consumiamo, sempre con un provvidenziale supporto dell’Europa che quando c’e’ da favorire multinazionali e grandi aziende risponde sempre presente.
    Per chi ha consumi bassi conviene staccarsi e comprare un gruppo elettrogeno

    Rispondi

  • Sante

    |

    La tariffa D3 bioraria ha subito questi aumenti dal 2015 al 2016
    .67,32% nella quota fissan per materia energia per mese di calendario
    . 32,175% nella la quota potenza per il trasporto e la gestione per mese di calendario
    e ciò grazie all’autorità AEEGSI (che noi paghiamo e che ci dovrebbe tutelare). Viviamo in uno stato sempre più ingiusto. Ma Renzi non continua ad affermare che le tasse sono diminuite?

    Rispondi

  • Ermanno

    |

    Quando andrete a votare RICORDATE tutto questo il merito va a chi ha governato questo paese negli ultimi 20 anni, VOLETE VERAMENTE CAMBIARE ????? Non deve essere molto difficile capire chi potrà veramente cambiare questo meraviglioso paese

    Rispondi

  • daniela

    |

    È davvero troppo cara la bolletta che mi è arrivata da pagare! Da 25 che pagavo oggi mi è stato prelevato 40.45 E mi dicono che non mi conviene risparmiare sui consumi? Come pretendere che almeno per televisione parlino di questi problemi e la finiscano con tutte le menate che mi fanno sentire anche presa per i fondelli.

    Rispondi

  • VINCENZO

    |

    tutti ci stiamo lamentando di questi furti autorizzati e il CODACONS o chi dovrebbe difendere i diritti dei consumatori dove sono?
    Vi chiedo cosa si potrebbe fare per non essere imbrogliati in questo vergognoso modo?

    Rispondi

  • Monica

    |

    È’ una vergogna abbiamo pannelli fotovoltaici luci a led, tutta la tecnologia per essere più virtuosi nei consumi …ma ecco che con la nuova bolletta paghiamo di più oneri di sistema e spese trasporto e gestione contatore e non si capisce in che percentuale!

    Rispondi

  • Carlo

    |

    Per una casetta al mare , disabitata per 11 mesi all’anno mi addebitano per 4 Kw una bolletta di € 27 ogni bimestre.
    A Gennaio 2016, per un consumo di Kw 6 pago € 14,53;
    A Marzo 2016 , per un consumo di Kw 6 devo pagare € 53,70.
    Chiedo a Voi è possibile che per 6 Kw il costo medio è € 8,95 al Kilowatt. ?
    Ho riscontrato che nella bolletta nuova ce un’icona nuova: spesa per il trasporto e la gestione del contatore: è una tassa nuova inserita alla nostra insaputa?
    Chiedo delucidazioni a voi. Grazie

    Rispondi

  • Enrico

    |

    bolletta elettrica aumentata del 40% ….tutte le altre cose, semplificazioni ecc. ecc. sono prese in giro. Questa riforma tariffaria agevola chi consuma tanto a scapito di chi cerca di risparmiare …………….si sono accorti che la maggioranza delle utenze consumano poco perchè utillizzano bene l’energia e allora ecco la decisione di penalizzare proprio queste più numerose categorie per fare ulteriori guadagni……abbiamo il costo dell’energia più caro d’europa…. vergogna….la diffusione delle rinnovabili ha comportato minori guadagni per le società del settore energetico ( enel ecc.); per recuperare i loro introiti non gli bastava addebitarci oneri anche per quelli che utilizzano le rinnovabili ? ….no, non gli bastava ed ecco un ulteriore salasso…… Che Paese!!

    Rispondi

  • Graziano

    |

    Aggiungo: la nuova bolletta con zero informazioni in concomitanza con questo cambiamento è un caso?

    Impedire a chicchessia di capirci qualcosa è stata la soluzione, individuata dai produttori e dall’Autorità, allo storico problema delle bollette incomprensibili.

    Quando si dice che la nostra classe dirigente non è lungimirante …

    Rispondi

  • Graziano

    |

    E’ stata una grande idea penalizzare chi consuma poco per incentivare i consumi. Sicuramente l’Autorità dell’Energia ci è arrivata da sola senza bisogno che glielo suggerissero i produttori. Complimenti per l’idea!

    Io vi visto il raddoppio dei costi; d circa 30 euro a bimestre ad oltre 60.
    Si tratta dell’illuminazione dell’androne e delle scale del condomino.
    Per ovviare proporrò in assemblea di metterci aria condizionata e pompa di calore.
    Così mi pare di cogliere il pieno spirito di questa innovazione.

    Rispondi

  • giuseppe annunziato

    |

    E ‘ uno scandalo!!!!!!!!!!!!!!! . Ho chiamato il call center dell’enel ,per sapere del motivo di questo aumento senza preavviso , nemmeno loro sapevano darmi delle risposte, spiegandomi che la societa’ enel essendo privata poteva aumentare in qualsiasi momento .E’ uno schifo !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    .Vorrei sapere le varie associazione che tutelano noi consumatori che fanno ? Grazie

    Rispondi

  • Mario

    |

    Box auto consumi bimestrali Kw 14 importo medio bollette euro 25 circa. Nuova bolletta Enel Servizio Elettrico Euro 56. Abitazione consumo medio bimestrale Kw 249 costo Euro 67 nuova bolletta a parita’ di consumi Euro 97. E’ un complotto contro gli utenti. Bisogna farsi sentire urgente con le associazioni dei consumatori. Che vergogna!!!

    Rispondi

  • Nino

    |

    Ho un laboratorio di produzione di prodotti da forno che dire ero arrivato ad abbassare o consumi com sostituzione tubi led fino a 750 kw/h a bimestre ciò significava intorno ai 200-220 € di bolletta. Avevo previsto una bolletta addirittura inferiore ai kw/h consumati sotto €200, apro la bolletta €378!! Immagino se mi caricano anche il canone speciale, dobbiamo rateizzare anche la luce…no problem se gliela faccio pago altrimenti… e chiudo così si attaccano al tram. Questo stato è destinato a perire perché proprio stamattina stilavano la lista dei redditi più alti del senato in pole position indovinate chi c’era? Mario Monti!! Ma non si dovevano fare i sacrifici caro Senatore affinché si riduca il debito pubblico bene abbassati l’introito a 800 al mese di pensione e stattene a casa, sono più che sufficienti, anche perché c’è gente che ne prende 500 € al mese e pure non ve ne frega niente della loro dignità…devono andare a chiedere aiuto ai figli…immaginate quello che succede da adesso in avanti. Veramente con i lumi ad olio #regresso

    Rispondi

    • capperaio

      |

      Se chiudi vai a consumo zero e chissà di quanto ti aumenterebbero la bolletta.
      Gli ad quando lasciano lo fanno con qualche milione di euro…….da qualche parte li devono prendere…….via un pò di comprensione….

      Rispondi

  • Franco Pace

    |

    Casa in montagna sempre vuota media bollette bimestrali 2015 18,00 euro; prima bolletta bimestrale 2016 – incomprensibile – euro 38,18

    Rispondi

  • Giovanni

    |

    E’ un controsenso. Da una parte quasi si invita a consumare di più (evviva il controllo della Co2) e dall’altra si incentiva l’uso di apparecchiature più efficienti al fine di consumare meno. Mi auguro che le associazioni dei consumatori si diano da fare. Ma è possibile che tutti noi dobbiamo accettare passivamente tutto questo?

    Rispondi

    • lilla

      |

      Sono state recapitate bollette con l’aumento del 50%! Questo sarebbe il modo per far ripartire l’economia? Si va a colpire ancora una volta le famiglie, vedove/i e pensionati . E’ la vergogna di uno Stato che esige il pizzo su tutto e la beffa è che meno consumi e più paghi!

      Rispondi

  • Luca

    |

    Mi associo assolutamente al disgusto generale: oltre ad essermi aumentata la bolletta, pago di più per la casetta vuota che ho al mare rispetto che a quella dove risiedo in città.
    Casa vuota che NON consuma nulla 43 euri!!!!!!

    Rispondi

  • Stefano

    |

    Ti fanno il lavaggio del cervello con ore e ore di discussioni sulle adozioni gay, ma le sventole di aumenti tipo questi passano in sordina. Siamo in Italia, una bella partita di calcio ed è tutto risolto…

    Rispondi

  • rmichele

    |

    Che schifo continuate a derubarci dei pochi spiccioli che riusciamo a guadagnare………..
    Con questi aumenti ingiustificati ci state esasperando continuate cosi che fra poco ritorneremo a usare le lanterne e l`energia elettrica ve la…………

    Rispondi

  • Roberto

    |

    Mi unisco alla lamentela per queste nuove regole.
    Lo scorso anno, a parità di periodo, potenza, contratto ecc., nel primo bimestre 2015 avevo pagato 97.49€ consumando 133 kWh (0,733 €/kWh).
    Quest’anno anch’io mi sono messo d’impegno per risparmiare elettrodomestici in classe A+ ecc ed il risultato è stato una bolletta di 137,72€ per un consumo rilevato di 85kWh (1,620 €/kWh).
    Il mio costo a kWh è più che raddoppiato!!!!
    Forse l’ENEL/TERNA ecc. applicavano delle tariffe agevolate (!!!!!) a noi poveri italiani e siamo non l sapevamo!

    Rispondi

  • Diego

    |

    Mi astengo da ogni commento su chi ha partorito questa ennesima schifezza mi viene però spontaneo fare alcune riflessioni:
    1 – auto – se corriamo inquiniamo l’aria però dobbiamo ternere i fari accesi di giorno che ci fanno consumare più benzina e inquiniamo ancora di più
    2 – elettricità – ci hanno detto di consumare meno perchè, così facendo si produce meno CO2, io ho investito 520 euri per sostituire tutte le lampadine a incandescenza con quelle a led e ora ci informano che se consumiamo meno dovremo spendere di più.
    Con la bolletta di febbraio mi sono trovato un aumento, prezzo in fattura / KW consumati, del 14% in più.
    Questi Signori ci hanno sostituito al loro bancomat.
    Non aggiungo altro perchè ci stanno derubando i risparmi in banca,tassando con pretesti vari la casa. Rimane solo una bella manovra da 50 miliardi per faci dormire tutti in auto.

    Rispondi

  • Pierluigi

    |

    Mi associo alla protesta di Roberto:
    Di male in peggio, la banda bassotti avrebbe fatto meglio.

    Rispondi

  • Davide

    |

    Tanto vale allora tenere tutto acceso dalla mattina alla sera, così paghiamo meno. Pochi mesi fa avevo effettuato il passaggio della fornitura da eni ad edison, ma a quanto pare l’unica possibilità che abbiamo per risparmiare davvero è fare gli anti ambientalisti.

    Cordiali saluti,
    Davide

    Rispondi

    • Marco

      |

      No caro Davide. Se facciamo gli ambientalisti non utilizziamo più l’energia ma pagheremmo lo stesso le quote fisse che sono aumentate nell’ultima bolletta MARZO 2016 del 100%!!! Consumi zero? Paghi lo stesso oltre 20 euro!!!! L’unica è togliere il contratto e ritornare alle candele.

      Rispondi

      • lucio

        |

        hai sbagliato Marco; perché sulla mia bolletta a consumo zero ho dovuto pagare ben 43.05 euro. Per fortuna che avevano pubblicizzato che i costi dell’energia elettrica erano in calo. C’è una sola parola per definire chi ha partorito questa decisione: è un imbroglio. Tutti compresi i politici sotto accusa. Ci vorrebbe qualcuno con le palle per fare una rivoluzione!!!!

        Rispondi

  • roberto

    |

    ….. della serie aumentare la forbice tra poveri e ricchi … i ricchi sempre più ricchi ed i poveri alla canna del gas sempre che non gli stacchino pure quello!
    Se veramente andrà così, tutti coloro che hanno pensato e fatto passare questa riforma andrebbero internati ! a meno che non ci sia un aumento di 100 euro al mese degli stipendi – e non ci sarà visto che i “sapientoni” dell’economia vorrebbero addirittura una riduzione dei salari ! –
    come fa a ripartire l’economia ? come fa un “single” con uno stipendio normale a vivere dignitosamente ? per non parlare dei pensionati con reddito basso che cercano di risparmiare sul consumo di luce acqua e metano ???
    siamo governati dalla “casta” e dalle lobbies, i politici sono soltanto i loro burattini
    ogni giorno una nuova vergogna
    vogliono tornare alla schiavitù e ci si stanno seriamente impegnando e riuscendo

    Rispondi

    • SIMONE

      |

      per una casetta al mare con consumi sempre zero, zero, zero, in quanto non utilizzata per una serie di motivi famigliari, fino a tutto il 2015 pagavo circa 17 euro a bimestre. Ora, la prima bolletta della nuova serie oltre ad essere del tutto incomprensibile in quanto manca il dettaglio delle tariffe è praticamente RADDOPPIATA cioè mi viene imposto di pagare 34 euro e rotti !!! (sempre a zero consumi).
      Vorrei sapere chi devo ringraziare, l’europa il nostro presidente del consiglio o chi altro? E pensare che in TV hanno detto che quest’anno (2016) pagheremo meno di energia elettrica..! Posso ritenermi imbrogliato?

      Rispondi

      • Damiano

        |

        Famiglia di 2 persone:
        =================
        Primo bimestre 2015 — 164 kWh – bolletta 32,39 EURO = 0,19 EURO/kWh
        Primo bimestre 2016 – 184 kWh – bolletta 44,06 EURO = 0,23 EURO/kWh

        A parità di consumo risulta un aumento del 21%.

        Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.