Fino al 24 gennaio

Firenze, Accademia di Belle Arti: lezioni sospese «per eccesso di freddo»

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Il cortile dell'Accademia delle Belle Arti di Firenze

Il cortile dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze

FIRENZE – Sospesa per due intere settimane, fino al 24 gennaio, per eccesso di freddo, ogni attività didattica all’Accademia delle Belle Arti di Firenze: l’interruzione delle lezioni, spiega lo stesso istituto in una nota pubblicata sul proprio sito, è stata decisa visto anche il «contenzioso con la Città metropolitana sul tema del pagamento degli arretrati delle utenze» dell’Accademia, con riferimento in particolare alla fornitura di gas per riscaldamento e in mancanza «di ogni risposta da parte delle autorità preposte».

La decisione di sospendere la didattica è stata presa dal presidente dell’Accademia, Luciano Modica, considerata «l’impossibilità perdurante di garantire un livello di temperatura minima nelle aule», verificata anche da un’ispezione dell’Asl, nonostante una segnalazione firmata da oltre 100 studenti e docenti nel novembre scorso.

Dunque le attività sono sospese, si legge nella nota «per evitare il disagio a studenti e professori da basse temperature in classi e laboratori, anche per evitare rischi alla salute, nelle more che siano resi disponibili dalla Città metropolitana tutti i dati necessari a stipulare nuovi contratti di fornitura e impianti al fine di poter assumere in proprio e a spese del bilancio di Accademia la gestione di caldaie e riscaldamento».

Lo stop temporaneo, si spiega infine, comporta «il differimento delle attività di due settimane». Rimarranno aperti gli uffici amministrativi «a condizione che si raggiunga la temperatura minima prevista dalle normative, anche attraverso l’ausilio di stufe elettriche di cui si autorizza eccezionalmente l’uso».

Tag:

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.