Mercoledì 13 e giovedì 14 gennaio alle 20.45

Firenze, teatro di Cestello: Giorgia Trasselli nella commedia “Finché vita non ci separi”

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Spettacolo

Stampa Stampa
finche_vita-non-ci-separi_Conte_Trasselli

Una scena di «Finché vita non ci separi» con Giorgia Trasselli


 

FIRENZE – Arriva al Teatro di Cestello la celebre Tata della serie tv “Casa Vianello”, Giorgia Trasselli, per oltre 20 anni accanto a Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. Sarà protagonista della commedia di Gianni Clementi “Finché vita non ci separi”, al fianco di Enzo Casertano, altro volto noto delle fiction Tv, e di tre giovani attori. La regia è firmata da Vanessa Gasbarri.

La scena si apre sui caotici preparativi per il matrimonio di Giuseppe, giovane militare di rientro da una missione in Afghanistan nonché rampollo di una tradizionale famiglia borghese. La madre non si rassegna a imparentarsi con una stirpe di ristoratori, da lei considerati “sguatteri”, ma ormai la frittata è fatta e da lì a poche ore l’altare attende gli sposi. Tutto procede secondo il più canonico e naturalmente caotico dei copioni cerimoniali, con tanto di arrivo della parrucchiera a portare una ventata di vitalità e ulteriore scompiglio tra regali, abiti sotto cellofan e riflessioni, titubanze e messe a fuoco sull’imminente futuro famigliare del promesso sposo. Ma il colpo di scena è dietro la porta. Suona il campanello e in casa Mezzanotte (questo il cognome della famiglia protagonista della storia) irrompe Mattia, un commilitone di Giuseppe, apposta giunto per assistere, non invitato, alle nozze. Ma chi è realmente l’ospite inatteso e quale realtà si cela dietro le più convenzionali apparenze? L’intreccio si complica, aprendo bivi tra i quali non è affatto facile scegliere.

In modo mai banale e con i linguaggi tipici del teatro, tra comicità e spunti di riflessione l’autore pone ai personaggi e al pubblico due fondamentali interrogativi, di sorprendente attualità: esiste ancora un modello univoco di “famiglia tradizionale”? Oppure affetto, sentimento e complicità non conoscono barriere?

Giorgia Trasselli, considerata una delle migliori personalità del teatro contemporaneo italiano, di recente è stata premiata per la sua interpretazione nello spettacolo cult “Dignità autonome di prostituzione!”.

Un Appuntamento tra i più attesi di un ricco cartellone, il trentesimo del Teatro di Cestello in San Frediano

mercoledì  13 e giovedì 14 gennaio, ore 20.45

Per informazioni e prenotazioni 055.294609 oppure prenotazioni@teatrocestello.it

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.