Si tratta di una 'app' da inserire nello smartphone o tablet

Sos sordi: in Toscana nuovo servizio d’emergenza collegato con la questura

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Lente d'Ingrandimento

Stampa Stampa
Palazzo Medici Riccardi ospita la Rassegna Artour-O

Palazzo Medici Riccardi

Arriva in Toscana un nuovo servizio di emergenza per le persone sorde. Si tratta di un’apposita App che permette d’inviare al non udente di inviare dal proprio smartphone o tablet alla sala operativa della questura una richiesta di aiuto, completa dei suoi dati e della sua posizione geografica, in modo da essere facilmente localizzato e soccorso. L’iniziativa è stata presentata oggi a Palazzo Medici Riccardi dal prefetto Alessio Giuffrida, dai dieci questori della Toscana, dal presidente regionale dell’ENS – Ente Nazionale Sordi Giovanni Tafi e dal consigliere direttivo nazionale dell’Ente e responsabile del progetto Giuseppe Corsini.

Il servizio, che nasce da un accordo tra Ministero dell’Interno ed Ente Nazionale Sordi, è stato ideato per aiutare quelle persone la cui disabilità può risultare molto problematica nelle situazioni critiche; grazie all’applicativo che sfrutta la georeferenziazione, il non udente può superare il suo svantaggio relazionale e avere una vita più autonoma. In Toscana sono circa 2500 le persone con questo handicap. Il funzionamento della nuova App è semplice. Basterà cliccare su un’apposita icona che appare sul telefonino o sul tablet e alla questura arriverà una mail con il nome del non udente, la sua precisa posizione geografica e l’indicazione di un’eventuale interprete della lingua dei segni. Inoltre la persona sorda potrà scegliere, tra le varie icone fornite dal programma, quella che corrisponde all’emergenza in atto, come per esempio un malore, un incidente stradale, un infortunio, un reato, un incendio. In questo modo la sala operativa avrà un quadro completo e potrà disporre l’azione più appropriata; contemporaneamente invierà al non udente una risposta scritta con i tempi di intervento e le prime indicazioni da seguire. Il progetto, che è in fase di attivazione, prevede anche rapidi corsi di formazione per consentire agli utenti di acquisire dimestichezza con il nuovo applicativo. “E’ un’innovazione con alto valore sociale – ha detto il prefetto Alessio Giuffrida al termie dell’incontro – e grazie all’ausilio delle nuove tecnologie favorisce l’accessibilità e la fruibilità dei servizi  di emergenza anche alle persone sorde”.

Tag:, , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.