A tutela dei risparmiatori

Banche salvate: Cantone (Autorità anticorruzione) preannuncia un decreto entro fine gennaio

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Padoan e Cantone

Padoan e Cantone

ROMA – Si stringono i tempi per i provvedimenti a tutela dei risparmiatori vittime delle perdite delle quattro banche ristrutturate. Dopo un primo incontro al Ministero dell’Economia la settimana scorsa, il presidente dell’Anac Raffaele Cantone ha fatto sapere che i lavori stanno procedendo a ritmi sostenuti: l’obiettivo generale è quello di arrivare a licenziare un decreto entro la fine del mese.

BANCHE – Dal mondo bancario, intanto, arrivano notizie finalmente positive sul fronte dei prestiti, tornati per la prima volta a crescere da quasi quattro anni. Ma non mancano le note ancora particolarmente critiche che riguardano le sofferenze, la cui corsa a due cifre non accenna a diminuire. Il tanto atteso ritorno del segno più alla voce finanziamenti, in particolare a quelli alle imprese, ha comunque fatto ribadire al premier Matteo Renzi che la realtà del mercato bancario finanziario italiano è fatta di “autentici campioni europei”.

DECRETO – Le misure per porre rimedio alla mazzata ai risparmiatori saranno contenute in un decreto interministeriale (che non dovrà quindi passare dal Consiglio dei ministri), firmato da Mef e ministero della Giustizia, che fisserà i criteri per i rimborsi. In secondo luogo verrà messo a punto anche un Dpcm per stabilire le modalità per effettuare gli arbitrati. Arbitrati che, secondo quanto già anticipato dallo stesso Renzi, dovranno essere presi in carico dall’Anac. La materia è estremamente complessa, in quanto si tratta di stabilire con chiarezza i presupposti per gli arbitrati perché siano compatibili con le norme italiane e col dettato costituzionale, studiando anche procedure che rendano utile utilizzare questa strada anziché la via della giustizia ordinaria.

RISPARMIATORI – Accanto agli aspetti legati ai requisiti dei risparmiatori per accedere agli arbitrati, si tratta di stabilire se ci saranno categorie e quali che avranno diritto al ristoro di tutto il capitale investito, un punto su cui si sta ancora ragionando. Accanto all’arbitrato, infatti, ossia una procedura stragiudiziale che si svolge fuori dai tribunali, per i risparmiatori resta sempre aperta la via ordinaria in sede civile.

COMMISSIONE – Il tema banche continua comunque a infiammare gli animi della politica. Il presidente dei deputati di Forza Italia Renato Brunetta è tornato a chiedere che venga calendarizzata al più presto la proposta di istituire una commissione parlamentare d’inchiesta sulla vigilanza del nostro sistema bancario, con la capigruppo di Montecitorio che ha accolto la richiesta fissando a marzo l’esame delle proposte di legge collegate.

Si cerca intanto anche di migliorare il dialogo con i risparmiatori in difficoltà: in quest’ottica Donata Monti entra a far parte della squadra che supporta il Presidente delle Good Bank, Roberto Nicastro, con il compito di favorire il rapporto con le associazioni dei consumatori. Ma intanto continuano in tutt’Italia le giuste proteste dei risparmiatori truffati, che chiedono il ristoro delle loro spettanze e attendono i risultati delle inchieste della magistratura aretina.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.