Da venerdì 22 gennaio

Pisa: al via la stagione 2016 del Teatro Francesco di Bartolo di Buti

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Bobo Rondelli

Bobo Rondelli, il cui show è in programma per il 27 febbraio

FIRENZE – Al Teatro Francesco di Bartolo di Buti (Pisa) prende il via venerdì 22 gennaio la stagione 2016.

Il sindaco Alessio Lari, alla conferenza stampa di presentazione, ha ricordato la lunga tradizione storica del teatro ottocentesco, dedicato a Francesco di Bartolo, uno dei primi commentatori della Divina Commedia (“il Buti”, appunto)

Intento del artistico Dario Marconcini è far pensare e riflettere, magari allegramente, ma con consapevolezza. Al teatro tradizionale si alternano spettacoli di teatro sperimentale, con un po’ di musica d’autore. Una sorta di sfida culturale, che Marconcini così commenta: «i teatri periferici, di piccole dimensioni, hanno l’opportunità di diventare un’alternativa ed essere un pungolo per i teatri più grandi. La mancanza di mezzi si trasforma in una scelta minimalista, che riversa l’attenzione sull’attore e sul dono che lui fa di se stesso, sulla scena, allo spettatore. Il grande teatro del Novecento è stato animato dai gruppi periferici e dai gruppi periferici può partire una rifondazione del teatro contemporaneo».

Nel primo spettacolo della stagione (22 gennaio) l’ottava cantata sarà il legame per portare avanti un viaggio intorno all’Inferno di Dante, grazie agli attori dell’Arca Azzurra e ai Cantori del Maggio di Buti.

Il 5 febbraio la compagnia Gli Omini, premio Ubu, riporta bruscamente all’oggi con “Ci scusiamo per il disagio”. Non poteva mancare un omaggio a Shakespeare a quattrocento anni dalla morte con il “Minimacbeth” di Marconcini, dove gli spettatori saranno invitati in una stanza, davanti ad una tavola, testimoni di un interno di famiglia con delitti (11-14 febbraio, 10-13 marzo).

Seguiranno due spettacoli musicali di segno diverso. Il primo è la proposta di Bobo Rondelli, sempre più vicino allo stile graffiante degli chansonniers francesi, con “Ciampi ve lo faccio vedere io” (27 febbraio). Nel secondo uno dei gruppi più importanti dell’avanguardia italiana, Fanny&Alexander, rende omaggio a Fred Buscaglione con “Kriminal Tango” (4 marzo).

Per la prima volta il teatro di Buti ospiterà poi la pluripremiata Fibre Parallele, con “La Beatitudine” (17 marzo), seguita dall’ultimo spettacolo di Enzo Moscato, protagonista indiscusso del teatro napoletano degli ultimi trent’anni, che presenta “Grand’Estate” (10 aprile). La stagione si conclude con “Pinter/Beckett: prove d’autore, curata dal direttore Dario Marconcini (22-27 aprile).

Teatro Francesco di Bartolo (Via Fratelli Disperati, Buti – PI; telefono 0587 724548)
www.teatrodibuti.it

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.