Svolta inattesa

Governo: Marco Carrai a Palazzo Chigi per la cyber security. A chi la presidenza degli aeroporti di Firenze e Pisa?

di Domenico Coviello - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa
Marco Carrai si sposa sabato 27 settembre e come testimone di nozze il Premier Matteo Renzi e signora

Marco Carrai e Matteo Renzi ai tempi della presidenza della provincia di Firenze

ROMA – L’attuale presidente di Toscana Aeroporti – la società che da poco più di sei mesi gestisce congiuntamente lo scalo Vespucci di Firenze e il Galilei di Pisa – Marco Carrai, fedelissimo da lunghi anni del premier ed ex sindaco di Firenze, Matteo Renzi, potrebbe approdare a Palazzo Chigi, lasciando il capoluogo toscano per Roma.

Ma nella capitale a fare che cosa? A occuparsi di temi come la cyber security e i data analytics, questioni di assoluta importanza nell’era della moderna tecnologia legata a Internet. L’ipotesi, anticipata sabato 16 gennaio dal Fatto Quotidiano, è confermata nella sostanza da fonti della presidenza del Consiglio. Esiste, cioè, realmente, anche se è ancora in fase di valutazione.

A oggi la cyber security rientra nelle competenze del consigliere militare della presidenza del Consiglio. Ma dopo gli attentati a Parigi dello scorso 13 novembre Renzi ha avviato una riflessione sulla possibilità di affidare un incarico specifico a una figura come quella di Carrai, il quale potrebbe, a quanto sembra, vantare una competenza su questi temi in quanto anche fondatore di una società dedicata alla sicurezza informatica.

Marco Carrai era stato capo della segreteria di Renzi quando l’attuale premier fu eletto presidente della provincia di Firenze nel 2004, prima ancora, dunque, che diventasse sindaco (2009). Finora, però, Carrai era rimasto fuori da incarichi istituzionali.

Adesso non si esclude un incarico alla presidenza del Consiglio. Purché, precisano da Palazzo Chigi, prima Carrai risolva qualsiasi possibile conflitto di interessi attuale o potenziale, che riguardi altri incarichi o partecipazioni azionarie. Si pone dunque un problema non di poco conto dal punto di vista dell’amministrazione in Toscana: a chi andrà la presidenza di Toscana Aeroporti se Carrai, come appare logico, dovrà lasciare questo incarico di tipo imprenditoriale per assumerne uno di tipo istituzionale a Roma? La lotta per la successione è già aperta. E non sarà facile evitare che riapra le ferite ancora non rimarginate del tutto tra Pisa e Firenze, unite nella gestione degli scali aeroportuali più per forza che per amore.

Tag:, , ,

Domenico Coviello

Domenico Coviello

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.