Repliche fino al 5 febbraio

Opera di Firenze: debutta una «Suor Angelica» toccante. Ma non senza contestazioni

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Amarilli Nizza nel finale di «Suor Angelica»

Amarilli Nizza nel finale di «Suor Angelica»

FIRENZE – All’Opera di Firenze ha debuttato il primo dittico di opere brevi in cartellone per questo mese, quello formato da «Suor Angelica» di Giacomo Puccini (1917) e «La voix humaine» di Francis Poulenc (1958), ovviamente legate dall’essere entrambe drammi al femminile.

Il monologo di Cocteau messo in musica da Poulenc ha un forte impatto emotivo di per sé e Annick Massis è certo una signora del palcoscenico; però nuoce non poco al testo l’essere proposto in forma di concerto con tanto di fastidioso leggio (eppure la scenografia sarebbe essenziale ed economicissima: un telefono e poco altro…).

Va decisamente meglio con la messinscena di «Suor Angelica», il pezzo del Trittico preferito da Puccini. Amarilli Nizza per il personaggio della protagonista ha qualche carenza dal punto vocale e una parte del pubblico non ha mancato di manifestare disapprovazione dopo il pezzo forte dell’opera, l’aria «Senza mamma»; ma proprio quello è stato uno dei momenti in cui il soprano ha meglio saputo supplire ai difetti con l’interpretazione e nel complesso la resa dell’opera risulta molto toccante, anche grazie a una bella squadra di comprimarie (ottime Patrizia Cigna-Suor Genovieffa e Silvia Beltrami-suora zelatrice), alla buona direzione di Xǔ Zhōng e alla regia e alle scene di Andrea De Rosa.

De Rosa esalta l’aspetto tetro del convento di clausura, facendone una sorta di micro-manicomio nel  Novecento dell’immediato Dopoguerra e introducendo un gruppetto di malate di mente che si mescolano all’azione prevista dal libretto. Sull’apprezzamento dell’idea il pubblico si è diviso (contestazioni sono piovute soprattutto dalla galleria, mentre in platea prevalevano gli appalusi), ma bisogna dire che, anche se alcuni dei movimenti delle matte nelle prime scene potrebbero forse essere con profitto limitati, la presenza di queste nella parte finale, specie quella della matta che porge la sua bambola-bebè a Suor Angelica morente (sostituendo le apparizioni soprannaturali, evocate solo dal coro degli angeli, nel quale hanno fatto il loro debutto operistico i bambini del Coro di Voci Bianche del Maggio) amplifica con efficacia lo scivolamento nella follia suicida della protagonista, esaltando il pathos del finale. Se lo scopo di un dramma teatrale è emozionare, questo spettacolo lo raggiunge.

Opera di Firenze (Piazzale Vittorio Gui / Viale Fratelli Rosselli, 7)

Repliche giovedì 28 gennaio e venerdì 5 febbraio, ore 20; domenica 24 gennaio, ore 15.30

«La voix humaine». Tragédie lyrique in atto unico. Musica di Francis Poulenc. Libretto di Jean Cocteau. Orchestra, Coro e Coro delle voci bianche del Maggio Musicale Fiorentino. Direttore: Xǔ Zhōng; soprano: Annick Massis; Maestro del coro: Lorenzo Fratini. Nuovo allestimento

«Suor Angelica». Opera lirica in un atto. Musica di Giacomo Puccini. Libretto di Giovacchino Forzano. Nuovo allestimento in coproduzione col Teatro Regio di Torino e il Teatro San Carlo di Napoli. Orchestra, Coro e Coro delle voci bianche del Maggio Musicale Fiorentino. Direttore: Xǔ Zhōng; Maestro del coro: Lorenzo Fratini. Regia e scene: Andrea De Rosa. Costumi: Alessandro Ciammarughi. Luci: Pasquale Mari.
SSuor Angelica (soprano): Amarilli Nizza
La zia Principessa (contralto): Anna Maria Chiuri
La suora infermiera (mezzosoprano): Valeria Tornatore
La suora zelatrice (mezzosoprano): Silvia Beltrami
Suor Genovieffa (soprano): Patrizia Cigna
La maestra delle novizie (mezzosoprano): Claudia Marchi
La badessa (mezzosoprano): Romina Tomasoni
Suor Dolcina (soprano): Marta Calcaterra
Suor Osmina (soprano): Elisabetta Ermini
Prima sorella cercatrice (soprano): Irene Molinari
Seconda sorella cercatrice (mezzosoprano): Tonia Langella
Prima Conversa (soprano): Simona Di Capua
Seconda Conversa (soprano): Silvia Mazzoni
Una novizia (soprano): Paola Leggeri

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.