Situazione difficile dopo le elezioni

Spagna: Rajoy (Pp) rinuncia a formare il governo. Incarico a Sanchez (Psoe)

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
mariano rajoy

mariano rajoy

MADRID – La situazione politica in Spagna si complica. Il premier di centrodestra uscente Mariano Rajoy ha rifiutato la proposta di formare un nuovo governo, ma afferma che resterà in corsa. Lo ha reso noto la casa reale, confermando un nuovo round di colloqui con i leader politici mercoledì prossimo. Premier dal 2011, Rajoy, aveva ricevuto l’incarico di formare un esecutivo in quanto leader del primo partito uscito dalle elezioni del 20 dicembre, ma la sua proposta di grande coalizione, che avrebbe riunito centrodestra e centrosinistra è sfumata e lui ha preso atto di non aver i voti sufficienti per governare. Ora il tentativo passerà al leader del Psoe Pedro Sanchez, giunto secondo alle urne. Terzo partito Podemos di Pablo Iglesias. Rajoy aveva chiesto una grande coalizione che avrebbe coinvolto il Partito socialista (Psoe) e il nuovo partito liberale Ciudadanos. Ma il leader dello Psoe, Pedro Sanchez, aveva respinto in modo categorico l’offerta, rilanciando l’ipotesi di un esecutivo di sinistra con il partito anti-austerità Podemos, o quella di uno di centro-sinistra con Podemos e Ciudadanos.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.