Toscana al top

Firenzuola, l’abbazia di Moscheta prima in Italia nel Registro dei paesaggi rurali storici

di Domenico Coviello - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
L'Abbazia di Moscheta a Firenzuola: entra nel Registro Nazionale dei paesaggi rurali

L’Abbazia di Moscheta a Firenzuola: entra nel Registro Nazionale dei paesaggi rurali

FIRENZE – Entra a far parte del Registro Nazionale dei paesaggi rurali storici l’ex abbazia di Moscheta, nel comune di Firenzuola. L’abbazia è fra i primi tre siti in Italia a ottenere il riconoscimento. Il decreto è stato firmato dal Ministro delle Politiche agricole e la candidatura era stata promossa dall’Unione Montana dei Comuni del Mugello.

UN LUOGO D’ECCEZIONE – «Si tratta di un riconoscimento importante – commenta l’assessore toscano all’Agricoltura, Marco Remaschi – perché sono stati riconosciuti, oltre alla rilevanza del patrimonio storico degli insediamenti, l’elevato valore dei paesaggi rurali di Moscheta, storicamente consolidati per l’uso del suolo dalle forme colturali tradizionali e dall’importante attività di gestione forestale operata negli anni anche con il mantenimento e il restauro di formazioni di rilevanza storica quali i castagneti da frutto monumentali, le faggete, i boschi di cerro pascolati».

IL REGISTRO E IL VALORE CULTURALE – L’inserimento di un paesaggio rurale storico nel Registro non comporta la previsione di alcun vincolo ulteriore rispetto agli strumenti in essere (piano paesaggistico, strumenti di pianificazione territoriale ecc..) ma è esclusivamente rivolto al riconoscimento del complessivo valore di questo dal punto di vista produttivo agricolo-forestale, storico e culturale.

GLI ALTRI SITI ISCRITTI – Nel Registro Nazionale sono stati iscritti nei giorni scorsi altri due siti, insieme a Moscheta: il paesaggio del Prosecco Superiore di Conegliano Valdobbiadene e il
paesaggio delle colline vitate del Soave, entrambi in Veneto.

Tag:,

Domenico Coviello

Domenico Coviello

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.