Dopo una folla corsa di 40 chilometri

Viareggio: Polizia stradale blocca motociclista in fuga. Inseguimento a 200 all’ora sull’A/12

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

I controlli della Polizia nelle aeree di servizio autostradaliLUCCA – Gli automobilisti che, stamani, 30 gennaio, percorrevano l’A/12 e l’A/15 non potevano credere ai loro occhi: dagli specchietti retrovisori spiccava la sagoma di una moto condotta a folle velocità, tallonata da una pattuglia della Polizia Stradale. Scena da brividi. Sembrava di assistere, in diretta, alle riprese del prossimo film di James Bond.

L’inseguimento è iniziato vicino Viareggio, sull’A/12, dove si trovava una pantera della locale Sottosezione autostradale, equipaggio che fa parte di un articolato piano operativo, attuato in Toscana da tutte le pattuglie della Polstrada, su input del Servizio Polizia Stradale del Dipartimento P.S., finalizzato a prevenire incidenti e a neutralizzare ogni condotta illecita.

Il giovane stava conducendo una Yamaha R6, priva di specchietti, a velocità sostenuta. Erano circa le 10.40. Alla vista della Polizia ha dato tutto gas, raggiungendo punte i 200 chilometri orari.  Convinto che sarebbe stato un gioco da ragazzi farla franca. Ma  l’equipaggio della pantera lo ha inseguito per più di 40 chilometri, non lasciandosi spiazzare dai suoi repentini cambi di corsia. L’inseguimento è terminato sull’A/15, in prossimità di Aulla, dove il centauro è stato costretto a fermarsi.

Motivo della fuga? Il timore di doversi privare della moto, a causa dell’assicurazione scaduta. La Polizia stradale ha sequestrato la moto e ha anche ritirato la patente, sanzionando le sue infrazioni al codice della strada per circa 2.000 euro. Il centauro sarà segnalato alla Prefettura di Lucca, non solo ai fini della revoca della patente, ma anche per la quantificazione di altre infrazioni al codice della strada.

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.