Rivendicate le iniezioni di liquidità

Bce, Draghi all’Europarlamento: la politica monetaria sarà rivista a marzo. No a Renzi e Visco: niente modifica del bail-in

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

draghi

STRASBURGO – Questo pomeriggio all’Europarlamento il Presidente della Bce, Mario Draghi, ha letto la relazione annuale delle attività della Banca centrale europea. Draghi ha rivendicato il successo della politica monetaria della Bce, dunque difesa convinta delle iniezioni di liquidità operate sinora. «Funziona – assicura – senza l’Eurozona sarebbe stata chiaramente in deflazione lo scorso anno e i prezzi sarebbe scesi ancora così rapidamente quest’anno: la crescita sarebbe stata decisamente più bassa».

COESIONE – Quanto al futuro, Draghi ha ripetuto la linea della conferenza stampa tenuta a gennaio. «Siamo indubbiamente a un punto in cui viene testata la coesione dell’Europa – ha spiegato – Molte delle sfide che affrontiamo hanno natura europea o globale, e richiedono una forte risposta europea». Pertanto, la Bce giudica «che sarà necessario rivedere e possibilmente riconsiderare» l’approccio in marzo, quando le nuove previsioni economiche di Francoforte saranno disponibili.

BANCHE – Significativo poi il passaggio sulle banche italiane. Mario Draghi afferma che per rendere il nostro sistema finanziario «davvero sicuro» bisogna «assicurare una coerente attuazione delle disposizioni della direttiva sul bail-in». Vuol dire applicare la noma alla lettera e questo fa credere che il presidente della Bce non la pensi come la Banca d’Italia e il governo che, a più riprese, hanno auspicato nei giorni scorsi una revisione delle disposizioni in materia.  Draghi ricorda che «bisogna assicurare che la fiducia nella sicurezza dei depositi sia ugualmente alta in tutti gli Stati dando vita allo schema europeo per l’assicurazione dei depositi». La morale è precisa: «Riduzione dei rischi e condivisione dei rischi sono due facce della stessa medaglia e dovrebbero procedere in parallelo: sono tutte essenziali a proteggere la stabilità del settore bancario europeo».

 

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.