Il Comitato direttivo del CSM: rivalutare l'opportunità della scelta

Firenze: l’ex br Faranda invitata alla Scuola magistrati di Castelpulci. Fra le toghe divampa la polemica

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Adriana Faranda, l'ex Br, dissociata da 30 anni, invitata a parlare alla scuola magistrati di Castelpulci

Adriana Faranda, l’ex Br in una foto dei tempi del processo, invitata a parlare alla scuola magistrati di Castelpulci a Scandicci

ROMA – L’invito agli ex terroristi Adriana Faranda e Franco Bonisoli a partecipare nella sede della Scuola della magistratura di Castelpulci, a Scandicci, a un corso di formazione per i giudici sulla giustizia riparativa, che si aprirà domani, mercoledì 3 gennaio (e al quale sono invitati a parlare Agnese Moro, Sabina Rossa e Manlio Milani) provoca una polemica tra le toghe. E sulla mailing list delle correnti di sinistra della magistratura si apre un dibattito acceso tra chi difende l’iniziativa e chi invece la ritiene “assurda” .

E’ “attonita” ,prima ancora che “amareggiata”, Alessandra Galli, figlia del giudice Guido ucciso da Prima Linea, che esprime il suo “sconcerto” non per l’argomento dell’incontro,”ma per la decisione di invitarvi Adriana Faranda. E’ inaccettabile il dialogo in una sede istituzionale come questa con chi ha ucciso per sovvertire lo Stato e la Costituzione alla quale noi, come magistrati abbiamo giurato fedeltà”. Analoghe le riserve del procuratore di Torino Armando Spataro: “le mie perplessità non sono affatto collegate all’oggetto del corso, ma alla presenza di ex terroristi in una Scuola di Formazione per Magistrati”.

Ma non manca chi si chiede dove sia lo scandalo. Per esempio Valerio Onida, che ha appena lasciato la presidenza della Scuola della magistratura, il quale continua a difendere senza tentennamenti il corso: “Non c’e’ molto da dire. E’ un corso sulla giustizia riparativa in cui si inserisce il racconto di un’esperienza particolare e molto seria, che ben si presta a stimolare la riflessione in una sede come quella della Scuola della magistratura. Dov’è lo scandalo? O si pensa che la Scuola sia un sancta sanctorum, un tabernacolo che non può essere profanato dalla presenza di certe persone? La formazione è per eccellenza il luogo della riflessione e del confronto, e la formazione dei magistrati non può ignorare temi come quello della giustizia riparativa”.

AGGIORNAMENTO delle 20,30: Il Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Giovanni Legnini, il Primo Presidente della Corte di Cassazione Giovanni Canzio e il Procuratore Generale Pasquale Ciccolo esprimono il loro dissenso “per la decisione della Scuola Superiore della Magistratura, appresa da notizie di stampa, di invitare a un
prossimo incontro di formazione dei magistrati italiani ed europei Adriana Faranda e Franco Bonisoli”. In una nota il
Comitato di presidenza del Csm auspica “che il Comitato direttivo della Scuola voglia rivalutare l’opportunita’ di tale
scelta”.

 

 

Tag:, , , ,

Commenti (1)

  • Pierluigi

    |

    Peccato che Himmler ed Hess siano morti da un pezzo e che non se ne trovino nemmeno le ceneri, altrimenti, per raccontare la “loro esperienza particolare”, ci sarebbe stata bene anche la loro esperienza.

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.