Conferenza stampa del direttore generale Rogg

Fiorentina: Zarate superstar. Il West Ham: perché l’abbiamo ceduto per un milione? La società: d’accordo con Sousa

di Ernesto Giusti - - Sport

Stampa Stampa
Mauro Zarate

Mauro Zarate

FIRENZE – Mauro Zarate superstar a Firenze. Il suo nome compare anche sulle scritte murali. Lo store di piazza della Repubblica, Zara è diventato Zara-te per effetto di un’aggiunta con la vernice. Una ventata di novità nel campionato italiano, il giocatore argentino. Il West Ham piange e si chiede: “Perché l’abbiamo venduto per un  milione?”. Ora è atteso alla controprova, a partire da sabato a Bologna. Chissà che non riesce a riaccendere anche Kalinic. In tal caso, sai che Fiorentina…

L'allenatore della Fiorentina Paulo Sousa

L’allenatore della Fiorentina Paulo Sousa

Intanto Paulo Sousa è stato squalificato per un turno, non potrà sedere sulla panchina viola sabato 6 febbraio, alle 18, a Bologna. Motivazione? Al 21’ del secondo tempo avrebbe rivolto “espressioni ingiuriose verso gli ufficiali di gara, che reiterava dopo l’allontanamento permanendo nel recinto di gioco per un paio di minuti”. Significa che l’arbitro Cervellera, direttore di gara di Fiorentina-Carpi, ha mantenuto nei confronti della Fiorentina quell’atteggiamento volutamente aggressivo manifestato, senza motivo, per tutta la partita. Atteggiamento che gli è valso il 4,5 nella pagella di Firenze Post.

L’arbitro di Bologna-Fiorentina sarà Banti di Livorno. Ma difficilmente farà parte della comitiva viola per Bologna il neo acquisto Benalouane, afflitto, a quanto pare, da sciatalgia. Un altro problema provocato dal mercato? In ogni caso, la società si difende e non ritiene di aver fatto errori. L’ha affermato il direttore generale della Fiorentina, Andrea Rogg, durante la conferenza stampa di oggi, allo stadio Franchi, dove ha assicurato che non ci sono spaccature con Paulo Sousa. Queste le sue parole: “Non c’e’ nessuna spaccatura con Paulo Sousa ma solo unita’ di intenti e la dimostrazione deriva dalla gara di ieri. Secondo me il tecnico resterà anche la prossima stagione perchè ha un contratto che prevede un’opzione anche per quella successiva. Il mercato di gennaio e’ stato all’80% condiviso con il mister. C’e’ stato un po’ di fermento negli ultimi giorni di trattative in virtù della volontà di acquistare qualche rinforzo per la squadra ma ogni nome è stato condiviso, su qualche obiettivo non siamo riusciti ad arrivarci”.

C'era anche Andrea Della Valle oggi a Montecarlo

Andrea Della Valle

Andrea Rogg ha fatto un excursus sul momento in casa gigliata, fra giocatori arrivati, quelli sfumati ed obiettivi a medio-lungo termine del club guidato dalla famiglia Della Valle. “Obiettivo Champions League? La volontà è quella di guardare in classifica verso l’alto, oggi siamo terzi, con entusiasmo, quindi abbiamo la volonta’ di provare fino in fondo a rimanerci – ha aggiunto Rogg – Penso sia un errore giudicare la nostra programmazione dai nomi di calciatori arrivati e non arrivati, ma va giudicata in maniera più ampia. Non saremmo terzi in classifica se non avessimo programmato un progetto tecnico e rinnovi di contratto importanti, con una società che dà supporto quotidiano ai giocatori che vanno in campo, da uno staff tecnico importante ad un centro sportivo di alto livello. Non mi nascondo però davanti a qualche errore”.

In particolare, a far arrabbiare i tifosi gigliati è stato il mancato acquisto di un difensore. “Mammana? Ad un certo punto la proprietà ha dato chiaro mandato di interromperla per un motivo: perchè la squadra cedente voleva mantenere un diritto economico importante sulla successiva cessione del calciatore – ha spiegato Rogg – L’accordo con il giocatore c’era, tanto che avevamo mandato un nostro dirigente per definire il suo acquisto”. Rogg ha fatto inoltre un’analisi a tutto tondo sui conti di casa Fiorentina: “La proprieta’ ha immesso 22 milioni nel 2014, 16 nel 2015 e fino a giugno e’ prevista da parte della stessa un’immissione di 13 milioni. Sul patrimonio giocatori acquistati il saldo economico dell’ultima sessione è zero, mentre il saldo per ciò che riguarda la cessione di alcuni giocatori è in positivo. La proprietà non ha preso un dividendo da questa societa’, c’è un flusso in entrata per mantenere le ambizioni piu’ importanti possibile”. Il dg viola ha anche commentato le voci di una possibile cessione del club da parte della famiglia Della Valle, intorno ad una cifra vicina ai 200 milioni di euro.

“A me non risulta assolutamente nulla di tutto ciò”, ha replicato Rogg, che poi è tornato nuovamente sulle critiche arrivate per il mercato. “Sono soddisfatto del mercato di gennaio, dovremmo aspettare la fine della stagione per valutarlo nel suo complesso. La società ha rifiutato offerte di 50 milioni per la cessione di alcuni giocatori proprio a gennaio”. E sullo striscione anti-società esposto ieri, Rogg ha detto “Con estrema sincerità ma anche con estrema fermezza c’e’ dell’amarezza. Una società non può riuscire ad ottenere risultati al di sopra di quello che dicono i conti se non ci sono componenti coese ed unite: tecnico, tifosi, società e squadra.C’e’ amarezza da parte della proprietà nel leggere il pensiero dei nostri tifosi ma dall’altra parte c’e’ voglia di continuare un discorso che negli ultimi tre anni ha ottenuto grandi risultati che dimostrano che siamo tutt’altro che un gruppo disunito”.

Tag:, , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.